Grande successo a Castellamonte per la giornata ecologica. In centinaia si sono dati appuntamento sotto l’arco di Pomodoro per dare l’esempio e ripulire il paese.

Giornata ecologica

Castellamonte è la tua casa, puliamola insieme. Lo slogan, promosso dall’Amministrazione comunale, ha fatto centro. Domenica 24 marzo un centinaio di cittadini si è dato appuntamento sotto l’arco di Pomodoro per partecipare alla Giornata ecologica organizzata dal Comune insieme a Teknoservice, il Comitato di via Piccoli e strada del Ghiaro, Terra Mia e Cri. Dopo un breefing in materia di sicurezza, a cura del sindaco di Bairo, Claudio Succio, i castellamontesi si sono «armati» di giacche catarifrangenti, sacchi neri, guanti e scope e, con impegno e buona volontà, hanno ripulito il paese da cartacce, bottigliette di plastica, mozziconi e immondizia selvaggiamente gettata da persone con scarso senso civico.

Città pulita

«A farla da padrona per numero di immondizie raccolte sono stati i mozziconi di sigaretta, sparsi in ogni dove, ma sono stati recuperati anche rifiuti più pesanti, tra cui un carrello per la spesa abbandonato in un fosso» fanno sapere gli organizzatori della giornata ecologica. Soddisfatto il primo cittadino castellamontese, Pasquale Mazza: «Naturalmente il servizio di volontariato non può sostituire le attività della raccolta rifiuti, che devono essere monitorate e migliorate, ma giornate come queste servono a sensibilizzare e a porre l’attenzione sui piccoli inquinamenti quotidiani che ciascuno di noi potrebbe facilmente evitare. E’ stata un’iniziativa sperimentale e siamo soddisfatti della partecipazione e del risultato ottenuto. Ringraziamo tutti i partecipanti. Peccato non aver visto nessuno della minoranza».

Leggi anche:  Ciriè: agricoltura e prevenzione infortuni, c'è il corso Coldiretti

Le parole del sindaco

«Non è più accettabile vedere la nostra città così sporca. Come amministrazione abbiamo intenzione di intervenire in una duplice direzione. Da un lato sarà tolleranza zero, con l’arrivo di multe, nei confronti di chi non rispetta l’ambiente, il paese in cui viviamo e le norme di civile coabitazione. Abbiamo anche messo a bilancio una piccola quota per il restyling e aumento dei cestini collocati in città. Dall’altro lato, abbiamo già sollecitato e chiesto a Gtt la sistemazione, con l’eliminazione dei rovi e delle erbacce, della sede ferroviaria e al Consorzio est Orco la pulizia della roggia dei Mulini».