I giovani di Pratiglione imparano l’importanza della libertà. Importante la loro presenza lo scorso 25 aprile.

I giovani di Pratiglione imparano l’importanza della libertà

I giovanissimi studenti della piccola ma da sempre attiva comunità di Pratiglione imparano l’importanza del sacrificio che uomini e donne, oltre 70 anni fa, hanno fatto perché oggi loro possano vivere in un Paese libero. Lo hanno fatto partecipando, nelle settimane scorse, alla commemorazione del 25 Aprile, animando in maniera attiva gli avvenimenti che si sono svolti nella loro cittadina.

Gli studenti hanno pure intonato “Bella Ciao”

Alla presenza delle autorità civili e militari, gli studenti della Primaria pratiglionese hanno preso parte al corteo che li ha visti fianco a fianco con i rappresentanti dell’Unione Montana Alto Canavese. Dopo i doverosi interventi da parte degli ospiti, i bimbi hanno letto l’epigrafe di Piero Calamandrei, che è collocata nell’atrio del Comune di Cuneo, «Lo avrai, Camerata Kesselring». Successivamente, hanno cantato «Bella Ciao», uno dei simboli di quei giorni lontani, ma in realtà così vicini e fondamentali, meritandosi gli applausi a scena aperta di tutte le persone presenti alla cerimonia.