Il Gran Drapò sventolerà per un anno a Noasca. Momento di festa in tutta la Valle Orco.

Il Gran Drapò sventolerà per un anno a Noasca

Sventolerà per un anno a Noasca il «Gran Drapò» del Piemonte. Nelle settimane scorse il piccolo centro della Valle Orco ha celebrato l’arrivo della bandiera storica della Regione Piemonte, nell’ambito della 51esima «Festa del Piemonte». Il Drapò, del quale Noasca avrà la custodia ufficiale per un anno, potrà essere esibito in tutte le occasioni ufficiali. Il passaggio di consegne dal Comune di Ceresole Reale a Noasca è avvenuto nel corso di una solenne festa.

Tante le associazioni e le autorità presenti

Numerose le associazioni piemontesi e le autorità presenti, tra cui il sindaco e vicesindaco di Noasca, Domenico Aimonino e Bruno Merlo, il sindaco di Ceresole Reale, Andrea Basolo. Presenti anche il presidente dell’Unione montana Gran Paradiso, Silvio Varetto e il sindaco di Narzole Federico Gregorio,  che riceverà la bandiera il prossimo anno. Il corteo ha attraversato le vie del paese, con l’accompagnamento dei gruppi in costume delle valli e della Fanfara ANA di Ivrea, diretta dal luogotenente Sergio Bonessio.

Leggi anche:  Ciclismo Gran Piemonte anche nel 2018 in Canavese

Inagurato anche il Sacrario del Battaglione Val d’Orco

I festeggiamenti sono culminati con l’inaugurazione del Sacrario al Battaglione Val d’Orco con il vessillo della Sezione Alpini A.N.A di Ivrea, guidata dal Presidente Eraldo Virone e il Gruppo Alpini di Noasca, seguita dal pranzo al «PalaNoasca». Ad allietare la giornata anche «Gli Spadonari» di Giaglione, che si sono esibiti in un suggestivo spettacolo in piazza e i «10 Piasent della Provincia Granda», l’Associazione degli Spazzacamini, il Corpo di Sorveglianza del Parco Nazionale Gran Paradiso. Erano presenti anche il «Gruppo Reggimento Piemonte», I «Reis ‘d Biru» di Ceresole Reale e naturalmente il Gruppo storico di Noasca.