Laboratori creativi destinati a coloro che hanno chiesto un sostegno alla Caritas di Leini.

Laboratori creativi

Due laboratori creativi destinati alle persone che hanno chiesto un sostegno alla Caritas di Leini. La doppia iniziativa avrà inizio a ottobre e terminerà tra aprile e maggio dell’anno prossimo. La sede saranno i locali dell’ex-casa Ferrero che, dopo aver accolto la famiglia siriana scappata dalla guerra, ora è pronta per ospitare nuovi progetti, come quelli in fase di progettazione.

Sartoria e educazione civica

I corsi saranno di sartoria (intitolato «Ago-filo e fantasia») e l’altro di educazione civica (denominato «Percorsi di cittadinanza»). Ogni partecipante, per ottenere un contributo simbolico, dovrà essere presente almeno all’80% delle lezioni e dovrà superare un test di esame finale. Per questa ragione a ogni incontro sarà riscontrata la presenza e riportata su un apposito registro.

Gli obiettivi del progetto

Le iniziative sono nate dal centro d’ascolto del sodalizio che ha notato come le donne, soprattutto quelle di origine araba, vivano isolate e incapaci di esprimere appieno le loro esigenze e i loro bisogni. L’obiettivo dei volontari della Caritas è quello di aiutare le persone in difficoltà ad essere più autonome pure nello sbrigare incombenze che, a molti, parrebbero banali, ma che per molti stranieri sono alquanto difficoltose. Come iscriversi all’ufficio di collocamento, andare in posta o in banca.

Leggi anche:  Controlli autovelox della settimana dal 19 novembre al 24 novembre

I fondi per il progetto

I due corsi hanno già una copertura economica parrocchiale e partiranno comunque, nonostante l’associazione abbia pure richiesto al Vescovo Nosiglia un contributo a sostegno dei due progetti che vanno verso l’inclusione all’interno della società di persone che oggi vivono, per tante ragioni, ai margini.