La fisarmonicista eporediese Cinzia Tarditi è stata scelta per lasciare il calco della sua preziosissima mano destra al 25esimo Raduno internazionale della Fisarmonica a Recoaro Terme.

Cinzia Tarditi, fisarmonicista di grande successo

E’ stato sicuramente un weekend emozionantissimo per Cinzia Tarditi, la bravissima fisarmonicista di Borgofranco d’Ivrea che a Recoaro Terme ha letteralmente lasciato la sua impronta. Lo scorso anno era stata chiamata nel paese del Vicentino per ricevere la «Stella al merito» nell’ambito del Raduno internazionale della Fisarmonica, giunto quest’anno alla 25esima edizione.

Una mano dorata

La brillante musicista e maestra di eporediese è stata scelta per imprimere il calco della sua mano destra, insieme al altri quattro grandi della fisarmonica. Tutti i calchi che vengono realizzati sono ricoperti in oro zecchino e vengono conservati al Museo Impronte Grandi della Fisarmonica, un luogo unico al mondo, nel quale sono esposti anche manoscritti, incisioni e strumenti che peraltro ha visto l’inaugurazione della nuova sede.

«Un’emozione unica»

«Non mi immaginavo proprio che mi avrebbero chiesto una cosa del genere – confessa Tarditi – per me è stata una grande emozione quando me lo hanno comunicato, non riuscivo a crederci», la musicista non è riuscita a trattenere qualche lacrima di commozione durante il momento ufficiale che si è svolto nella sala consiliare del Comune di Recoaro Terme.

Leggi anche:  Regione Piemonte: 2 milioni di euro per la bonifica dell'amianto in edifici pubblici

Musica, musica, musica


Per lei e per il folto gruppo che l’ha seguita, quasi tutti gli allievi della sua scuola, sono stati tre giorni davvero intensi (da venerdì 30 agosto a domenica 1 settembre) che li ha visti salire sul palco più volte per esibirsi.«Siamo arrivati in Veneto con il pullman – racconta – dal momento in cui siamo saliti e per tutta la durata del viaggio non abbiamo mai smesso di suonare, abbiamo suonato anche mentre scendevamo dal mezzo. Durante il festival si è esibito sia il mio gruppo di fisarmoniche Accordéon Classique (nel video in alto) di cui fanno parte musicisti esperti e il gruppo di ragazzini dell’Accordion Kids (video in testa al paragrafo), che hanno fra gli undici e i quattordici anni e sono stati davvero bravissimi. Ci siamo esibiti il venerdì sera al concerto Fisarmoniche in Palcoscenico, il sabato durante Fisarmonicisti in Strada e al concerto presso il Teatro Comunale, poi la domenica io ho suonato durante la Messa e poi di nuovo tutti insieme nel pomeriggio durante il concerto di chiusura».