Linea Canavesana sempre più sotto accusa, pendolari esasperati dalle condizioni di viaggio, dai ritardi e dalle continue cancellazioni.

Linea Canavesana, sopralluogo dell’assessore ai trasporti

Il neo assessore regionale ai trasporti Marco Gabusi, fresco di nomina, ha già il tavolo pieno di annose questioni da risolvere. In primis quella delle linee ferroviarie regionali con treni sovraffollati e in costante ritardo. I pendolari di tante linee sono sul piede di guerra da tempo, per i disagi e i problemi che devono affrontare quotidianamente per recarsi al posto di lavoro. Gabusi nei prossimi giorni effettuerà un sopralluogo sui treni della linea Torino-Milano, per incontrare i viaggiatori e ascoltare problemi e richieste. Lo stesso, presto accadrà anche sulla Canavesana.

Pianasso presente al sopralluogo

«Ci impegniamo sin d’ora a portare presto l’assessore Gabusi, insieme ai consiglieri regionali Mauro Fava, Claudio Leone, Gianluca Gavazza e Andrea Cane, a effettuare un sopralluogo sull’Sfm1, per toccare con mano quali e quanti disagi abbiano dovuto affrontare i pendolari canavesani in questi anni – annuncia il senatore della Lega Cesare Pianasso – Io stesso sarò presente e sarà quella l’occasione per incontrare i rappresentanti degli utenti della linea così come gli amministratori dei Comuni interessati».

Leggi anche:  Amazon Prime Now anche a Torino: consegne in due ore

Una rapida soluzione

«Confidiamo su una partecipazione anche dei vertici regionali di Rfi e Trenitalia – prosegue Pianasso -, dai quali ci attendiamo risposte chiare e tempistiche certe sugli interventi che sono previsti per l’installazione del sistema Scmt, che consentirà di riportare la velocità di percorrenza a livelli accettabili, e sulla sostituzione del materiale rotabile vecchio ed inadeguato, oltre che sulle garanzie circa una corretta manutenzione delle motrici. Non è accettabile che il gestore della linea annunci di tagliare quattro treni in un giorno feriale per via del troppo caldo. Confidiamo di non assistere in futuro a nuovi disagi con simili giustificazioni».