Nole, dopo il Museo delle Macchine a Vapore, quello dei Fuet?.

Nole, dopo il Museo delle Macchine a Vapore, quello dei Fuet?

Tante le persone che nel pomeriggio di oggi, sabato 2 giugno, hanno preso parte all’inuagurazione del Museo delle Macchine a Vapore dedicate a chi li ha create: Francesco Bosio, nolese, grande personaggio del paese. Dopo mesi di lavoro (faticoso) le macchine a vapore donate dalla famiglia Bosio sono state collocate ad arte nel centro polifunzionale Nole Forum di via Devesi.

Un dono della famiglia al Comune di Nole

Regalo della famiglia Bosio ai nolesi. Per essere ammirate e per diventare materia didattica per le scuole. Dalle Primarie alle Superiori. Anche il Politecnico di Torino è tra gli istituti candidati ad avviare progetti di collaborazione con il Comune di Nole. La cerimonia ha preso il via con la benedizione delle macchine. Impartita dal parroco don Antonio Marino. Poi il taglio del nastro. Forbici in mano alla vedova Dosio, Domenica. Affiancata dai figli Francesca ed Augusto. E dal sindaco Luca Bertino che ha fatto gli onori di casa.

Leggi anche:  Decreto milleproroghe a rischio milioni di euro per i Comuni

Grazie a sponsor e volontari

E’ irrisorio il costo che il Comune ha sostenuto per allestire il Museo delle Macchine a Vapore. La maggior parte del lavoro l’hanno fatto i volontari, coprendo i costi dei materiali e attrezzature con i fondi recuperati dagli sponsor. Si è formato un apposito gruppo di volontari, coordinato da Franco Boggia, che si occuperà del Museo. Delle sue aperture e delle visite guidate. Anche delle scuole. E adesso, già si pensa a dare vita ad un Museo dei Fuet…

IL VIDEO