Nuova shopville slittano tempi. Accade a Caselle Torinese.

Nuova shopville slittano tempi

Aree Ata, slittano i tempi per la consegna del permesso a costruire. Infatti il Comune di Caselle avrebbe dovuto consegnare la documentazione alla Satac-Aedes in primavera. Tuttavia nei corridoi del palazzo civico adesso si parla del periodo estivo, spostando in avanti di qualche mese l’inizio del cantiere per la realizzazione della mega-shopville “Caselle Open Mall”.

Fih presenta ricorso al Tar

Dalla firma della convenzione con Giuseppe Roveda, amministratore delegato di Aedes, a marzo 2017, è intervenuto  infatti un fatto imprevisto. La società finanziaria svizzera  Fih, ex socia di Satac, ha presentato ricorso al Tar. Nonostante l’ombra dell’azione legale contro il Comune di Caselle, dichiara il sindaco Luca Baracco: “Confido che il nuovo quartiere cittadino sia terminato entro il 2020”.

Nuovo quartiere cittadino…

Effettivamente si parla di una superficie commerciale 113 mila metri quadrati. Sulle osservazioni presentate dal ricorso, quale il vincolo aeroportuale di Enac sul carico antropico, Baracco sostiene: “L’Enac non ha vietato l’edificazione ma non si prende la responsabilità nel controllare la corretta disposizione urbanistica. Vicino all’aeroporto non costruiremo uno stadio, ma solo fabbricati a un piano. Man mano che ci allontaneremo diventeranno più alti”.

Leggi anche:  Start-up di Ivrea inventa il pedale con la "freccia"