Non è mai “troppo presto” per una seduta dall’osteopata. L’osteopatia pediatrica è consigliata a tutti i neonati, subito dopo le prime settimane di vita. Già a 20 giorni sarebbe utile che i piccoli entrassero in contatto con un professionista osteopata. Il trattamento non è invasivo e consiste in piccole delicate pressioni in punti specifici del corpo.

Osteopatia pediatrica, perché farla da subito

Lo scopo principale dell’osteopatia in ambito pediatrico è quello della “prevenzione”. O meglio, più che di prevenire, un trattamento osteopatico è in grado di “intercettare” immediatamente eventuali disfunzioni e problematiche, prima che diventino sintomatiche e visibili solo dopo qualche anno.
Intervenendo precocemente si possono evitare problemi nel futuro del neonato.

L’osteopatia pediatrica subito dopo il parto

L’osteopatia pediatrica è utile per affrontare eventuali “traumi” che il piccolo potrebbe aver subito post parto. Ad esempio? In caso di estrazione con ventosa, travaglio lungo e difficile, presentazione podalica, parto gemellare, uso di anestesia epidurale, ecc. Tutte queste situazioni possono alterare la struttura cranica del bambino con effetti a breve e lungo termine, che si potrebbero manifestare con rigurgiti, otiti ricorrenti, problematiche posturali. Da qui l’importanza di un primo controllo anche subito dopo la nascita.

Osteopatia pediatrica

Quali sono i benefici per i neonati

I sintomi che possono essere trattati con l’osteopatia pediatrica sono numerosi. A cominciare dalla plagiocefalia, testa piatta o con una strana forma (in questi casi è importante agire entro i 3 mesi). Si ottengono poi benefici in caso di eccessiva produzione di muco, reflusso gastroesofageo e rigurgito, difficoltà a poppare e a nutrirsi, coliche o pianto eccessivo… L’osteopatia interviene anche su iperattività del neonato o in quei bimbi che scambiano il giorno per la notte.

Leggi anche:  Primarie PD: Nicola Zingaretti trionfa in tutti i Circoli del Canavese

I benefici per i bambini

L’osteopatia da anni viene utilizzata per combattere i problemi infantili della scoliosi e delle cattive posture. Ma non tutti sanno che può essere molto utile anche per dare sollievo a chi soffre di problemi sinusali, problemi alle orecchie, disturbi del sonno, mal di testa, dolori associati alla crescita e malocclusioni.

Osteopatia pediatrica, a chi rivolgersi

Punto di riferimento per la zona del Canavese è la dottoressa Loredana Zappalà. Si è specializzata in osteopatia pediatrica e ha fatto tirocinio presso l’ospedale di Vimercate nel reparto di pediatria.
Riceve su appuntamento a San Maurizio Cavanese, in Piazza XXV Aprile 2. Per informazioni e appuntamenti è possibile telefonare al numero 329.8991032 o scrivere a loredana.zappala.osteopatia@gmail.com