Raccolta rifiuti: latta e metallo con la plastica e non più col vetro.

Raccolta rifiuti: latta e metallo con la plastica
e non più col vetro

Latta e imballaggi in metallo dicono addio al contenitore del vetro: dovranno essere conferite nel sacchetto insieme alla plastica. Una nuova disposizione disposta dal Consorzio Rifiuti Cisa di Ciriè che entrerà in vigore dal 1° agosto.

Nessuna modifica nei giorni di raccolta,
cambia solo il conferimento

Modalità e giorni di raccolta rimarranno gli stessi di oggi, come da calendario già in possesso delle famiglie. I cittadini dovranno solo abituarsi a gettare i contenitori in latta e metallo in genere. Il vetro verrà raccolto da solo andando così ad adeguare il Consorzio Cisa e la raccolta che avviene nei 38 Comuni che ne fanno parte, agli altri Consorzi che già seguono da tempo (e con ottimi risultati) questo sistema.

Dal 1° agosto al via il nuovo sistema

I cittadini sono invitati a partire da subito con il nuovo sistema di conferimento. Ma ci sarà comunque tempo qualche mese per abituarsi al passaggio. Si continueranno ad utilizzare gli attuali sacchi della plastica che gli altri Consorzi che hanno già avviato il sistema definiscono “idonei anche al nuovo rifiuto che viene conferito”.

Nelle Comuni delle Valli di Lanzo

Per facilitare soprattutto il turista che viene da fuori e non conosce il nuovo sistema, sui cassonetti stradali esistenti sarà posto un adesivo che andrà a cancellare sui bidoni del vetro la dicitura “latta e lattine”. Nei prossimi giorni, il Consorzio Cisa avvierà una campagna informativa che raggiungerà tutti e 38 i Comuni con i quali si andranno a chiarire meglio le modifiche del servizio.

Leggi anche:  Miss Mamma Italiana: Manuela da Carignano con furore FOTO

Intanto i Comuni che fanno la “puntuale”

Bravi, anzi, bravissimi ai cinque Comuni che già hanno avviato la “tariffazione puntuale”. Hanno chiuso il 2018 con un 71% di differenziata. A Balangero si è arrivati addirittura all’83%. In generale, su tutti i Comuni, il dato di conferimento dei rifiuti indifferenziati è rassicurante: dalla media dei 130/140 chili per abitante annui, si è scesi ad una media di 100 chili. Balangero anche in questo caso è al top con 80 chili. Il Consorzio chiuderà il 2019 con un 65% di indifferenziata, dato che rientra a pieno nei parametri.