Rotonda in Borgata Vittoria sulla SP460, presente al sopralluogo di ieri anche il senatore leghista Cesare Pianasso.

Rotonda in Borgata Vittoria sulla SP460

Il senatore della Lega Cesare Pianasso ha partecipato ieri mattina, venerdì 25 gennaio 2019, al sopralluogo con i tecnici della Città Metropolitana e della ditta incaricata all’incrocio di Bosconero sulla Sp460, dove verrà costruita la tanto attesa rotonda di borgata Vittoria.

Il commento del senatore Pianasso

«Da quanto tempo residenti ed amministratori locali chiedevano inutilmente la realizzazione quest’opera? Anni ed anni. Eppure era ed è il punto più pericoloso della Sp460, dove sono accaduti molti incidenti gravi, anche di recente – commenta – Finalmente verrà realizzata e per questo dobbiamo ringraziare il consigliere della Lega Mauro Fava, che ha saputo instaurare un’ottima collaborazione con la maggioranza del M5S, portando così a casa risultati notevoli. Anche perché oltre alla rotonda di Bosconero sta per partire il cantiere per eliminare la strettoia di Pont sulla Sp47, che risolverà un altro problema di viabilità ereditato dalle scadenti gestioni del Pd. Il Canavese ha visto alternarsi negli anni diversi suoi rappresentanti nelle maggioranze, o addirittura nelle Giunte, di Centrosinistra sia in Provincia che in Città Metropolitana, e penso ai vari Avetta, Balagna o Cavalot: eppure le esigenze del nostro territorio sono sempre state ignorate. Ci voleva un rappresentante della Lega per cambiare le cose e passare dalle parole ai fatti».

Leggi anche:  Ritirati formaggini freschi di capra: allerta del Ministero della Salute

Attacco alla Giunta Regionale

«Basti pensare come sia precipitata la qualità del servizio di trasporto ferroviario, rispetto ai tempi in cui a Palazzo Lascaris c’era una Giunta di Centrodestra – aggiunge Pianasso – Da quando al timone c’è il Pd, la SFM1-Canavesana è stabilmente tra le 10 peggiori linee d’Italia, cosa che prima non era. Complimenti, davvero un bel lavoro! Per fortuna tra pochi mesi si torna a votare e gli elettori potranno mandare a casa Chiamparino e soci».