Sui seggiolini anti-abbandono è il caos più totale. Lo denuncia il Codacons, ricordando che dal 7 novembre è in vigore l’obbligo di montare sulle auto che trasportano bambini fino a 4 anni un dispositivo anti-abbandono, per evitare che i bimbi possano essere dimenticati in auto.

La denuncia del Codacons

“Come al solito un provvedimento importante e utile per la sicurezza dei cittadini si trasforma in un pasticcio a causa della fretta con cui è stata adottata la misura e della mancanza di informazioni alle famiglie. Pochi sono i genitori che conoscono le caratteristiche tecniche che devono avere tali dispositivi, e il rischio è quello di acquistare prodotti non conformi, sprecando soldi e andando incontro a sanzioni”.
“Ma la cosa più grave è che, mentre sui genitori incombe l’obbligo di installare il seggiolino, nulla si sa circa il bonus da 30 euro per l’acquisto del dispositivo inserito del Dl Fisco come incentivo alle famiglie. Chi avrà diritto a tale bonus e sulla base di quali criteri? E l’incentivo varrà anche su acquisti già effettuati, dal momento che il seggiolino è già obbligatorio?”.

Leggi anche:  Simona Appino nuovo segretario del circolo PD “Alto Canavese”

Il caos

“Domande che al momento non hanno risposta e che generano il caos – prosegue il Codacons – , mentre si profilano numerosi problemi in capo alle famiglie: chi non si doterà del dispositivo rischia infatti multe fino a 326 euro e, in caso di incidente stradale, perde il diritto al risarcimento. Senza contare il rischio speculazioni sui prezzi: l’obbligo darà vita ad una corsa all’acquisto del seggiolino, con i produttori che potranno alzare i prezzi a proprio piacimento speculando sullo stato di necessità dei genitori – il margine di tempo concesso dall’iniziale 120 giorni proposti si è passati a 15 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale – sospendere le eventuali sanzioni delle multe” conclude il Codacons.

LEGGI ANCHE: Seggiolini anti abbandono obbligatori da oggi, ma in pochissimi lo sanno | VIDEO
LEGGI ANCHE: Seggiolini antiabbandono: dispositivi introvabili ma si va verso il rinvio delle multe