Si rifà il look la Casa della musica posizionata nel cuore di Valperga.  Con la messa in sicurezza dello stabile, l’Amministrazione comunale restituirà alla collettività un luogo storico.

Casa della musica

Sono, infatti, partiti in questi giorni i lavori di consolidamento dello storico edificio situato in via Mazzini, all’angolo con via Villa, proprio accanto Chiesa della Santissima Trinità. Estetica a parte, si tratta di un passaggio fondamentale per completare la messa in sicurezza di uno dei luoghi del cuore più caratteristici del paese. L’edificio ottocentesco ha infatti ospitato fino al 1831 la casa parrocchiale, oltre ad essere stato anche sede municipale con i suoi spazi adibiti ad uffici comunali. Nel 1900 la struttura si è addirittura tramutata, per un breve periodo, in scuola elementare.

Restyling

Attualmente, al piano terreno dello stabile, ha la sua “casa” la Società Filarmonica Valperghese, mentre i locali del primo piano sono a disposizione delle Penne nere del paese e di altre associazioni, come il gruppo Fidas e la Pro loco Valperga Belmonte. “Si tratta di lavori necessari e non più differibili ad un edificio dove sono state evidenziate crepe e fessurazioni importanti ai muri perimetrali e criticità al tetto – spiega il vice sindaco di Valperga, Isabella Buffo – Con il completamento dei lavori di consolidamento della Casa della musica andremo a restituire alla collettività un luogo storico del paese, che potrà essere utilizzato dalla banda musicale e dalle associazioni locali per le loro attività. Un risultato importante per la città, centrato grazie a un intervento da me e da questa Amministrazione fortemente voluto, vista l’attenzione che rivolgiamo da inizio mandato alla sicurezza e al decoro di Valperga”.

Leggi anche:  SuperEnalotto, vinto 13 mila euro con un 5

Sede di associazioni

Complessivamente, pallottoliere alla mano, il restyling ammonta a circa 95mila euro. Progettista e direttore dei lavori, che riguardano il consolidamento delle fondazioni, la sistemazione di tiranti in acciaio ai piani superiori e la verifica del manto di copertura, è l’ingegner Giovanni Data di Levone, mentre l’impresa esecutrice del restyling è la ditta astigiana Seia e Cauda. Per consentire il consolidamento dell’edificio sono state disposte con un’ordinanza ad hoc la chiusura di via Villa, nel tratto compreso il civico 2 e via Mazzini, con divieto di sosta sino al termine dei lavori.