Una “rete di città” europee per l’integrazione e il dialogo: al via Townlab_MEET.

Townlab_MEET

Inclusione, partecipazione e confronto: sono questi i tre comuni denominatori dell’evento internazionale che si terrà dal 24 al 26 ottobre al Centro di Incontro tra le Culture di Chiesanuova, primo di un tour di meeting itineranti che farà tappa in Francia, Germania, Slovenia, Serbia e Bulgaria. Una tre giorni ricca di appuntamenti, per promuovere l’impegno democratico e la partecipazione civica dei cittadini europei, incentivare il dialogo interculturale e la comprensione reciproca e combattere la stigmatizzazione di migranti e gruppi minoritari, priorità della misura “Reti di città” del programma Europa per i Cittadini.

6 paesi europei aderenti

Promotore del modello di accoglienza diffusa da oltre quindici anni, il comune di Chiesanuova è capofila dell’iniziativa Townlab_MEET, progetto a cui aderiscono città, atenei ed organizzazioni non governative di sei differenti nazioni europee: le municipalità di Quincinetto, Marnaz (Francia), Novo Mesto (Slovenia), Subotica (Serbia) e Kostinbrod (Bulgaria), l’Università degli Studi di Torino, l’Università di Speyer (Germania) e l’organizzazione non governativa LDA Subotica (Serbia).

Leggi anche:  Attesa per l’arrivo di Greta Thunberg a Torino

Programma biennale

Il programma di lavoro di Townlab_MEET si svilupperà nel biennio 2018 – 2020 e si caratterizzerà per l’approccio interdisciplinare, lo scambio di buone pratiche, l’applicazione di metodologie partecipative e l’utilizzo di linguaggi non convenzionali. Gli eventi pubblici e i meeting internazionali si alterneranno a focus di ricerca giuridico – normativa, esibizioni musicali, performance di teatro sociale di comunità, attività di storytelling e brainstorming e percorsi guidati in centri di accoglienza e di formazione.

Townlab_MEET position paper

Un percorso innovativo e articolato, che culminerà con la redazione partecipata e la sottoscrizione del “Townlab_MEET position paper”, documento d’intenti contenente proposte, linee guida e buone pratiche in materia di integrazione e lotta alla stigmatizzazione degli immigrati e propedeutico alla stipula di accordi tra amministrazioni locali, università e ONG e al proseguimento di relazioni economiche, culturali e sociali al termine del percorso progettuale.