Tragedia di Volpiano ricordati con commozione i 4 carabinieri morti nello schianto dell’elicottero avvenuto 19 anni fa.

Tragedia di Volpiano il ricordo

Sono passati 19 anni dalla tragedia di Volpiano.  Il 14 dicembre del 1998, infatti, l’elicottero Agusta Bell 109 con a bordo quattro carabinieri precipitò al suolo a Volpiano. Nel tremendo impatto perse la vita il generale di divisione Franco Romano. Insieme a lui perirono inoltre il colonnello Paolo Cattalini e i marescialli Gennaro Amiranda e Giovanni Monda. L’elicottero “Fiamma 86” avrebbe quindi dovuto raggiungere Aosta. Il piano di volo prevedeva infatti una visita ispettiva alle caserme della zona”. Mentre dopo Aosta l’elicottero con a bordo il generale Romano avrebbe dovuto raggiungere Sestriere. Qui infatti era in programma un lancio di carabinieri paracadutisti del Battaglione Tuscania. Per commemorare Giovannino Agnelli, loro ex commilitone.

La commemorazione

Ieri pomeriggio in strada per Brandizzo a Volpiano, per la toccante commemorazione dei militi era presente il comandante Generale dell’Arma, Generale Tullio Del Sette. Insieme al Generale Tullio Del Sette è intervenuto il comandante Interregionale “Pastrengo”, Generale Riccardo Amato. Con loro c’erano il comandante della Legione Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta, generale di Brigata Mariano Mossa, e il comandante Provinciale di Torino, colonnello Emanuele De Santis. E’ stata quindi deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento dedicato ai militari che persero la vita nella tragedia di Volpiano.

Leggi anche:  Costituzione della Repubblica Italiana consegnata ai 18enni di Volpiano

Nei secoli fedeli

La deposizione della corona di alloro è avvenuta alla presenza dei famigliari dei carabinieri periti 19 anni fa nella tragedia di Volpiano. Il sindaco volpianese, Emanuele De Zuanne, ha quindi sottolineato il solido e importante legame che da due secoli lega il paese ai militari dell’Arma. I carabinieri sono, infatti, una storica presenza a Volpiano. La città ha ospitato la seconda caserma dei militari dell’Arma aperta in Italia (nel 1815).