Non occorre necessariamente scomodare ET, Alien o Incontri ravvicinati: in ogni caso parliamo correttamente di UFO, ovvero di oggetti volanti non identificati. Nei cieli della Lombardia sono stati registrati negli ultimi giorni strani avvistamenti: a MilanoBrescia e Valtellina (il video d’apertura). Ma che succede?

Bolide nei cieli della Lombardia

Come racconta Settegiorni.it, l’ultimo avvistamento arriva dal Milanese. Erano da poco passate le 19 di ieri, mercoledì 13 febbraio 2019, quando un grosso oggetto luminoso ha attraversato il cielo. A vederlo sono state numerose persone, alcuni residenti a Rescaldina, altri a Parabiago e altri ancora in altre parte del Legnanese ma anche nel Castanese, come ad Arconate, e anche del Varesotto.

Probabilmente si è trattato di un “bolide” ovvero un meteorite di dimensioni più consistenti della norma, in grado di lasciare nel cielo una scia più lunga e persistente, come avvenuto a ottobre: Meteorite nel cielo: avvistato anche in Lombardia VIDEO

“Sbufalati” i dischi volanti della Valtellina

Nei giorni scorsi a far tanto discutere è stato però un filmato divenuto virale nel tam tam via WhatsApp: nel video un oggetto triangolare volteggia attorno al Pizzo Scalino in Valmalenco (Sondrio) e in molti hanno pensato subito a un disco volante. In realtà gli autori dello scherzo hanno quasi subito svelato il mistero: il triangolo che volteggia sul Pizzo Scalino è in verità il marchio della Valmalenco Ultradistance Trail, la gara di corsa sulla distanza di 90km che si svolge all’ombra delle montagne malenche.

Leggi anche:  Aronese dell’anno 2019: fino al 20 per presentare le candidature

Piemonte resta regione più “misteriosa”

Gabriele B. nell’agosto scorso ha assistito ad un fenomeno particolarmente curioso: si trovava nei pressi dell’istituto tecnico agrario Bonfantini di Novara quando un oggetto in cielo ha catturato la sua attenzione.  CLICCA SULL’IMMAGINE E LEGGI L’ARTICOLO DI NOVARAOGGI.IT:

Leggi anche:  Casa della donne: presto uno sportello di aiuto anche a Cuorgnè

Anche in Canavese si sono registrati diversi avvistamenti, l’ultimo lo scorso giugno nei cieli fra Corio e Rocca. Un paio di giorni dopo però la spiegazione: l’aeronautica ammise che a provocare il boato e l’intensa luce bianca erano stati due caccia. Esattamente un anno prima invece Claudio Mannella, classe 1956, residente a Mathi, ci aveva spiegato che “I dischi volanti si radunano  sulla verticale di Varisella, sopra il monte Turu l’ultimo mio avvistamento è nella notte tra sabato 17 e domenica 18 giugno (2017 n.d.r.)”.