Vertenza Comital anche il Consiglio metropolitano di Torino a sostegno dei lavoratori.

Vertenza Comital ore decisive

Anche il Consiglio metropolitano di Torino si è espresso compatto a sostegno dei lavoratori della Comital di Volpiano. Il Consiglio lo ha fatto, infatti, approvando all’unanimità una mozione sulla vertenza Comital. Il documento è stato presentato dai consiglieri del Movimento 5 Stelle Barbara Azzarà, Marco Marocco, Silvia Cossu, Dimitri De Vita, Antonino Iaria, Anna Merlin ed Elisa Pirro. Con la mozione, quindi, si chiede l’attivazione di tutte le misure possibili per la continuità occupazionale e produttiva dello stabilimento di Volpiano. Si chiede pure l’istituzione di un tavolo di confronto nazionale.

Chiusura da scongiurare

Nel corso del dibattito in Aula, infatti, Barbara Azzarà del Movimento Cinque Stelle ha sottolineato come la chiusura dell’azienda creerebbe scenari drammatici, anche a livello nazionale. La Lista Città di città si è associata alla preoccupazione espressa dalla collega Azzarà. Sulla vertenza Comital, è stato, quindi, sollecitato un intervento da parte della Regione Piemonte e del Governo nazionale. Condivisione sulla mozione è stata anche espressa da Mauro Fava, consigliere della Lista civica per il territorio e assessore del comune di Cuorgnè.

Leggi anche:  De Zuanne sui problemi alla linea Canavesana: "Grave non averci informato subito"

Data room aperta

Nei giorni scorsi l’azienda ha confermato l’apertura di una “data room”, finalizzata alla consultazione di dati riservati, con un potenziale acquirente sul cui nome viene mantenuto il riserbo. Si tratta di buone notizie per la Comital Volpiano e i suoi circa 140 dipendenti. A fine ottobre, dopo una serrata trattativa tra maestranze sindacali e proprietà, si era deciso di sospendere, infatti, la procedura di licenziamento collettivo fino ad oggi 15 novembre 2017. Cresce, quindi, l’attesa per il tavolo tra le parti in programma oggi a Torino. Sulla delicata situazione il sindaco di Volpiano, Emanuele De Zuanne: «Auspichiamo che la vicenda abbia un esito positivo, nell’interesse dei lavoratori».