Vi piace andare in bici? Aiutateci a compilare il questionario. NOLE.

Vi piace andare in bici? Aiutateci a compilare il questionario

Che i precursori delle piste ciclo pedonali di “Corona Verde” siano gli studenti dell’istituto superiore Tommaso D’Oria è risaputo. Del resto sono stati proprio loro a progettare nel 2012/2013 la rete di piste ciclabili e pedonali battezzandole con il nome di “Stouring”.
Non scelto a caso, ma con un significato ben preciso, anzi, tre. Stura, tour come giro e ring come anello. Fu l’allora Provincia di Torino a proporre agli studenti di allora del D’Oria di formulare un progetto finalizzato allo sviluppo turistico del territorio. “Pensammo subito al torrente Stura. Punto di collegamento tra i territori e zona idonea dove creare una rete di piste dove andare in bicicletta, a piedi o a cavallo. – spiega il docente Sandro Ferrante – Nacque così Stouring, che è poi diventato la Corona Verde di oggi”.

Gli studenti del D’Oria collaborano con il Comune di Nole

Ne parla con orgoglio, il docente dell’istituto superiore che, adesso, proprio partendo da quel progetto di qualche anno fa, ha deciso con i suoi studenti. E con la collaborazione del docente Fabio Lanzafami, di collaborare con il Comune di Nole alla realizzazione di nuovi tratti di pista ciclabile. Cinquanta chilometri per l’esattezza con l’obiettivo di unire Lanzo con Venezia. Una utopia? No, se si conta che il Comune di Nole (capofila del progetto) potrebbe accedere, insieme ad altri quindici aderenti al progetto, a parte dei 10milioni di euro. Che la Regione ha messo a disposizione di tutto il Piemonte, proprio per realizzare dei percorsi ciclo-pedonali. C’è un bando di concorso che scadrà a breve. E tra le richieste c’è anche quella di formulare dei questionari. Diretti alle persone alle quali viene chiesto se la bicicletta piace. Se la utilizzano e se la userebbero ancora di più fossero implementati i tratti percorribili. Proprio lungo la Stura, per poi collegarsi con Venaria.

Leggi anche:  Nole, inaugurata la rotonda dedicata ai "Fuet"

Poche domande indispensabili per partecipare al bando

“E qui entriamo in gioco noi. – spiega Ferrante – Appena saputo di questo progetto abbiamo contattato il Comune di Nole e ottenuto un incontro con il vice sindaco Antonio Adamo. Insieme ai tecnici è venuto a spiegare agli studenti in che cosa consiste il progetto e che cosa chiede la Regione per ottenere il finanziamento. Gli studenti si occuperanno della raccolta di dati. Attraverso questionari che verranno portati in tutte le scuole e veicolati alle famiglie. Le domande saranno tutte pertinenti alla bicicletta e all’uso o meno che ne viene fatto. Inizieremo in questi giorni anche perchè il bando scadrà tra poco. Voglio ringraziare il vice sindaco Adamo per la sua disponibilità”. Ecco il questionario, aprite il link e compilatelo. Poi portatelo in Comune a Nole: http://coronaverdestura.it/questionario/