“Vogliamo l’ecostazione”. Nel comune di Mappano.

“Vogliamo l’ecostazione”

L’Amministrazione di Mappano chiede un’ecostazione. La richiesta è stata inoltrata al Bacino 16. La prima proposta dei mappanesi è la costruzione di una stazione di conferimento degli ingombranti. Per ora ci si deve spostare a Caselle (nella foto) per smaltire i propri divani o elettrodomestici vecchi. In alternativa si può sollecitare il ritiro gratuito a domicilio. Tuttavia la giunta Grassi vuole la stazione di conferimento per offrire un servizio dalla cittadinanza del neo Comune.

Una raccolta più efficiente

Un’altro desiderio è una raccolta rifiuti più efficiente. Commenta il presidente del consiglio Sergio Cretier: “Ci sono aspetti del ritiro porta a porta che vanno migliorati. Anche se dobbiamo pur ammettere che negli ultimi due anni qualcosa è stato fatto per venire incontro ai contribuenti”. L’anno passato si è dovuto cambiare l’operatore addetto alla raccolta dei cassonetti. Con non pochi disagi per la cittadinanza. Per questo motivo sono state applicate delle sanzioni a Seta. A Mappano sono state di poco inferiori ai mille euro.

Leggi anche:  Il semaforo di Oglianico sarà prossimamente smantellato

Capofila della Tarip

L’ultimo desiderio è il più ambizioso. Conclude Cretier: “ Sarebbe bello essere il Comune pilota della sperimentazione sul territorio della Tariffa Puntuale (Tarip). Siamo a conoscenza del fatto che il nostro consorzio non è ancora partito. Ma ci si dovrà presto adeguare alle nuove direttive. Ci piacerebbe si partisse da Mappano”.