“Volano” le tegole ma i risarcimenti? Accade a Caselle Torinese.

“Volano” le tegole ma i risarcimenti?

A Caselle continuano a volare tegole al passaggio degli aerei. Ma s’allontana la firma del protocollo. L’ha annunciato lunedì  30 luglio il sindaco Luca Baracco. In consiglio comunale. Qualche giorno fa si è verificato un ulteriore episodio. Danneggiato un tetto in via Torino. Nel centro storico. Provocando il crollo delle tegole di una casa. Ha chiesto il consigliere d’opposizione Andrea Fontana: “Il problema persiste. A che punto è il protocollo d’intesa per creare un fondo a favore dei casellesi danneggiati? La convenzione è già stata firmata?”.

Manca una firma

Il sindaco Luca Baracco ha replicato: “Purtroppo manca ancora l’approvazione della società Leonardo (ex Alenia)”.  Assente anche il “sì” della Regione. Sarà l’ultima a firmare. Chiudendo il cerchio. Sostiene Baracco: “ In autunno faremo un ultimo giro di richieste. Se non ci saranno riscontri, porteremo avanti il protocollo a tre. Anziché a quattro componenti”.

Un fondo per aiutare i privati

L’accantonamento ammonta a 70 mila euro. Lo scopo è dare un aiuto ai privati. Costretti ad ancorare i coppi ai tetti. A causa del decollo/atterraggio degli aerei. Per risolvere il problema si è chiesto un tavolo di concertazione. Quindi si è determinata la ripartizione del fondo. Sagat, gestore dell’aeroporto, metterà 20 mila euro. La stessa cifra sarà versata da Comune e Regione. Mentre Leonardo (ex Alenia) darà un contributo di 10 mila euro. Per un totale di 70 mila. Finora l’accordo sembrava arrivato alla soluzione finale. Ma dopo gli ultimi eventi l’intera operazione pare messa in discussione.