Nulla è impossibile, nemmeno una piscina in giardino. Per motivi professionali o per impegni precedentemente assunti, la prossima estate non sarà possibile concedersi un meritato periodo di vacanza? Sarà sempre possibile, però, consolarsi con un bel bagno in giardino trasformando il perimetro verde intorno alla casa nel più bel villaggio vacanze di sempre! In che modo?
Nel modo più ovvio: installando una piscina fuori terra. Ne esistono di diverse forme e dimensioni che si sceglieranno a seconda del budget disponibile. Una piscina fuori terra può essere tonda o rettangolare e, generalmente, è alla portata di tutti i portafogli.

Il punto sulla manutenzione

Ma la manutenzione delle acque è un’operazione complessa? Anche in questo caso le difficoltà sono minime: una piscina fuori terra richiede solo pochi interventi tutti rivolti al mantenimento in efficienza dell’azione di filtraggio e del trattamento dell’acqua in condizioni igieniche di qualità. Le azioni più semplici riguardano il trattamento fisico delle acque che consiste nel recuperare le particelle in sospensione. Questa operazione deve avvenire ogni giorno per 6/12 ore a seconda della capacità di filtrazione e della temperatura dell’acqua. C’è poi il trattamento chimico che consiste nel trattare chimicamente l’acqua per combattere la proliferazione di batteri e alghe. Questa fase viene portata a termine con il controllo del ph (acidità dell’acqua), il cui valore dovrà essere controllato tramite un test kit.

Leggi anche:  Caldaia a condensazione o a biomassa?

Piscina in giardino, una moda diffusa

Infine ricordiamo che in ogni piscina fuoriterra c’è la possibilità di utilizzare giochi e accessori per il divertimento di chi fa il bagno: il divertimento e il refrigerio sono assicurati! Se invece potete disporre di un gruzzolo in più, un’impresa specializzata può costruire una piscina vera e propria. Meglio se, nel rispetto della tendenza, che la impone dall’aspetto naturale. La tecnica è semplice: l’impresa realizzerà una piscina artificiale nella quale con il tempo si instaurerà un equilibrio tra forme di vita vegetali e animali. Tali realizzazioni, naturalmente, risulteranno idonee per fare comunque un bagno piacevole e divertente. La moda è molto diffusa in molti stati europei. Si calcolano, per esempio, 20.000 piscine naturali in Austria, 8.000 in Germania, 1.500 in Svizzera. Numerose quelle presenti anche in altri Paesi come l’Italia, Belgio, Olanda, Ungheria, Francia, Russia, Costa Rica e Cile.