Appartamento trasformato in centro di smistamento e deposito di droga scoperto dai carabinieri.

Appartamento trasformato in centro di smistamento e deposito di droga

Sabato scorso i carabinieri della stazione di Leinì, in collaborazione con i colleghi della stazione Torino La Falchera (compagnia Oltre Dora) e del Nucleo Cinofili di Volpiano, hanno arrestato un italiano di 20 anni per detenzione di stupefacenti e denunciato cinque marocchini, tra i 34 e i 42 anni, per ricettazione e furto di energia elettrica.

Controlli dei carabinieri

Pedinando alcuni tossicodipendenti di Mappano, i carabinieri sono riusciti a individuare un pusher in via Carema 2. Ai tossici era vietato l’ingresso in casa e le consegne di marijuana e hashish avvenivano in strada, su appuntamento telefonico, h24.
Per arrestare il pusher, i carabinieri hanno dovuto attendere uno scambio di droga in strada. La successiva perquisizione ha permesso di sequestrare circa 300 grammi tra marijuana e hashish.

Appartamento trasformato in un centro di smistamento

È stato inoltre individuato anche un appartamento trasformato in un centro di smistamento e deposito di refurtiva utilizzato dai tossici, molto probabilmente, per vendere la merce rubata per poter comprare la droga in via Carema. .
Abbigliamento, 600 batterie Kodak e 40 salva acqua per doccia probabilmente provento di furti in negozi e supermercati, è stata sequestrata dai carabinieri in un appartamento di Torino in Via Cottolengo.

Leggi anche:  Cercano di evitare controllo della polizia, in auto avevano marijuana

Cinque denunce

Cinque maghrebini sono stati denunciati, a vario titolo, per ricettazione e furto di energia elettrica. I carabinieri hanno notato durante la perquisizione che l’impianto elettrico era stato manomesso e che l’appartamento erta stato collegato con un cavo alla rete elettrica pubblica.