Balangero, rubato il tappeto nella chiesa.

Balangero, rubato il tappeto nella chiesa

Saranno le riprese effettuate dalle telecamere interne nella chiesa della Consolata a rivelare il volto del ladro. Che giovedì scorso ha rubato uno dei tappeti collocato presso l’altare maggiore della chiesa parrocchiale. Un gesto che ha amareggiato il parroco don Luigi Magnano, che si è accorto del furto per caso. “Erano circa le 17,30 di giovedì scorso quando mi sono recato presso la chiesa per una normale visita e mi sono accorto che mancava uno dei due tappeti. – racconta il parroco don Luigi Magnano – Ho chiesto alla signora incaricata di fare le pulizie pensando fosse stata lei a toglierlo per lavarlo dal momento che erano presenti delle macchie di cera. Ma la signora mi ha risposto che non lo aveva portato via lei. E così mi è venuto il dubbio che fosse stato rubato”.

Le telecamere potrebbero aver ripreso il ladro…

“Prima di trarre conclusioni, però, ho fatto un ulteriore giro di consultazioni con altri collaboratori parrocchiali. -aggiunge don Magnano – per arrivare alla triste conclusione che, per un motivo ignoto, forse un dispetto o un bisogno, il tappeto è stato rubato. Il tecnico che ha sistemato le telecamere in chiesa, provvederà a scaricare e verificare le registrazioni in modo da individuare l’autore del gesto. Qualora fosse visibile chi ha rubato il tappeto, dal momento che ha anche un certo valore, vedrò sul da farsi. – conclude don Luigi – Non è mia intenzione sporgere denuncia. Ho avvisato il perito assicurativo e sentirò pareri in merito, qualora dovessi riconoscere l’autore del furto”.

Leggi anche:  Scoperta autoriparazioni abusiva SEQUESTRI E MAXI MULTA

Non è la prima volta che avviene un furto in chiesa

Non è la prima volta che avviene un furto in chiesa. A sparire fu anche la cassetta delle offerte. Per non dimenticare il tentativo di intrusione presso la casa parrocchiale. Quando accadde, don Luigi sventò il furto avvertendo dei rumori e blooccando il ladro da dietro la porta prima che scassinasse la porta per entrare. La notizia è stata pubblicata sui social dallo stesso don Luigi e in poco ha raccolto numerose testimonianze di solidarietà e di commenti da parte di chi ha subito dei furti. Quello che è certo è che rimane l’amaro in bocca per un simile gesto. La speranza è di scoprire l’autore del gesto grazie alle riprese delle telecamere.