Sta facendo molto discutere la cancellazione di alcuni treni della Canavesana, dopo la chiusura delle scuole. Pianasso e Fava rispondono alle critiche sollevate dal Pd e dall’onorevole Fancesca Bonomo.

Cancellazione dei treni della Canavesana

“E’ curioso come il Pd si accorga dei problemi solo quando perde le elezioni. Dov’era gli anni scorsi l’on. Bonomo quando i treni Rivarolo-Pont venivano regolarmente cancellati?” è la dura presa di posizione della Lega dopo le poleniche sollevate dal Pd sulla cancellazione di alcuni treni della Canavesana nel periodo estivo. “L’on. Bonomo del Pd ha rilasciato una nota alla stampa stigmatizzando la cancellazione, in vigore durante i mesi estivi, dei treni della linea Rivarolo-Pont. Una «scelta scellerata» secondo la parlamentare democratica. Peccato che la stessa decisione sia stata adottata da Gtt anche negli anni scorsi, senza che ci fosse la stessa reazione indignata da parte degli ambienti democratici canavesani” puntualizzano dal Carroccio.

Pianasso all’attacco

«E’ curioso come il Pd si accorga dei problemi e richieda delle soluzioni solo quando perde le elezioni – commenta il senatore della Lega Cesare Pianasso – Dov’era l’on. Bonomo gli anni scorsi, quando i treni da Rivarolo a Pont venivano sostituiti con i bus durante i mesi estivi? Allora non era una scelta scellerata? Sulla Canavesana è meglio che i democratici si astengano dai giudizi: chi aveva la responsabilità del Tpl mentre la nostra linea finiva nella top ten dei peggiori tratte ferroviarie italiane? La situazione attuale è inaccettabile e i nostri consiglieri della Lega lavoreranno sin da subito per contribuire a risolvere i problemi che si trascinano da troppo tempo. Lasciamo agli altri le sterili e vuote chiacchiere, noi pensiamo ai fatti».

Leggi anche:  Alpeggi finiti il ritorno delle mandrie in paese

La risposta di Mauro Fava

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere regionale Mauro Fava. «Non sentivamo il bisogno dell’invito dell’on. Bonomo a salvaguardare gli investimenti previsti sulla Rivarolo-Pont: siamo ben consapevoli della necessità di migliorare la situazione dopo cinque anni di disastro Pd e di crollo nella qualità del servizio – afferma l’esponente leghista cuorgnatese – Il mio primo impegno sarà proprio quello di incontrare l’assessore ai Trasporti Marco Gabusi per essere aggiornato sullo stato dell’arte di progetti e cantieri, oltre che sulla calendarizzazione degli interventi necessari. Al di là dell’elettrificazione della tratta fino a Pont, bisogna assolutamente risolvere il prima possibile la questione della limitazione di velocità: è inammissibile impiegare un’ora o più per andare da Rivarolo a Torino. E dobbiamo sapere da Trenitalia quali siano i programmi per l’Sfm1, ora che rileva da Gtt la gestione».