Comital-Lamalù, raggiunto l’accordo con Dingsheng: il gruppo cinese interessato all’acquisto delle due aziende volpianesi. Salvi 60 dipendenti su 120 complessivi.

Comital-Lamalù salvi 60 dipendenti su 120

Fim, Fiom e Uilm di Torino rendono noto che in data odierna è stato raggiunto un accordo con il gruppo Dingsheng Aluminium, unico offerente del bando di cessione Comital e Lamalù di Volpiano. L’intesa, raggiunta dopo una lunga e complicata vertenza, prevede il mantenimento del 50 per cento dei 120 lavoratori complessivi delle due società fallite. Il gruppo cinese si impegna a rilevare le aziende e rilanciarle.

Accordo con Dingsheng

Fim, Fiom e Uilm sottolineano che l’accordo di oggi, discusso durante le assemblee con i lavoratori, salva una parte importante dell’occupazione. Le organizzazioni sindacali ribadiscono che sarà loro cura vigilare sull’applicazione dell’intesa. Rimane tuttavia il rammarico per la mancata attivazione di un percorso alternativo, come richiesto più volte da Fim, Fiom e Uilm, dai lavoratori e dalla Regione.

Percorso ad ostacoli

Martedì 10 dicembre, negli uffici della Regione Piemonte di via Magenta a Torino, si era svolto l’incontro sulla situazione delle aziende Comital e Lamalu tra organizzazioni sindacali, curatori fallimentari e i rappresentanti del gruppo cinese Dingsheng interessato all’acquisto degli stabilimenti di Volpiano, alla presenza dell’assessora al Lavoro della Regione Piemonte Elena Chiorino e del sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne. Dopo quel meeting concluso con una “fumata nera” la situazione si è sbloccata venerdì 13 dicembre.