Commesso Eurospin di Orbassano, trasferito perchè ha chiesto di non fare i turni di notte durante il Ramadan.

Commesso Eurospin

Si chiama Aimen Makhlouf e da otto anni lavora come commesso nel supermercato Eurospin di Orbassano e non ha mai ricevuto una lettera di richiamo, dice, raccontando la sua storia a Repubblica. Da due anni Aimen fa anche i turni di notte per vigilare sui fornitori che scaricano la merce.

Il rifiuto

Aimen ha trentanni ed è di origine tunisina. Ogni giorno per andare al lavoro fa 50 chilometri. Racconta di aver chiesto che gli venisse alzato il livello rispetto a quello di supervisore che non gli compete, la risposta era stata negativa. A quel punto il ragazzo avrebbe chiesto che almeno gli fosse consentito di non fare i turni notturni durante il periodo del Ramadan visto che è musulmano praticante. Sarebbe stato allora che come risposta sarebbe stato trasferito ancora più lontano da casa, costretto a fare 80 chilometri di strada ogni giorno.

Leggi anche:  Revisioni facili, chiusa officina

La lotta di Aimen

Ora il ragazzo si batte per evitare il trasferimento ma il suo pensiero è per chi non è fortunato come lui: lui ha un contratto a tempo indeterminato, ma chi invece ha un contratto a tempo, dice, “è costretto a dire sempre di sì”. Il caso è seguito da Fisascat-Cisl.