I Carabinieri per la Tutela Agroalimentare hanno effettuato nei primi mesi del 2019 controlli a tappeto su tutto il territorio nazionale presso aziende vitivinicole e punti vendita del settore.

Controlli nelle aziende vitivinicole

I cinque Reparti CC Tutela Agroalimentare (Rac) di Torino, Parma, Roma, Salerno e Messina, hanno controllato 61 aziende su tutto il territorio nazionale. Una persona è stata denunciata per frode in commercio, 4.104 litri di vino sono stati sottoposto a sequestro penale, 50.376 litri di Vino e 850 litri di mosto sono stati sottoposti a sequestro amministrativo. I militari hanno elevato 37 sanzioni amministrative per un importo totale di euro 55.803 e 22 diffide sono state emesse per irregolarità accertate.

Sequestri e sanzioni amministrative

Le sanzioni ed i sequestri di natura amministrativa hanno evidenziato irregolarità relative alla mancata tracciabilità, alla mancanza di etichettatura e presentazione, all’inosservanza degli obblighi in materia di registrazione dei prodotti ad uso enologico, alle pratiche leali di informazione al consumatore.

Attività prevntiva

L’ attività preventiva, iniziata lo scorso dicembre, finalizzata a garantire una maggiore sicurezza nel comparto del vino, sinora ha condotto al sequestro di circa 450.000 litri di prodotti vinosi e liquori, per un valore commerciale pari a oltre 520.000 euro, contestando sanzioni per oltre 310.000 euro.