Denunciato imprenditore dalle Fiamme Gialle. A Robassomero.

Denunciato imprenditore dalle Fiamme Gialle

A seguito di un controllo fiscale attuato dai militari della Tenenza Guardia di Finanza di Lanzo Torinese nei confronti di una società esercente l’attività di recupero e riciclaggio di rottami metallici con sede a Robassomero, è stata accertata l’emissione di una fattura emessa a fronte di un’operazione risultata non realmente effettuata.

Vendita mai avvenuta

La ditta, infatti, aveva fatto fittiziamente risultare la vendita di oltre 10 tonnellate di alluminio, in realtà mai avvenuta. Le “Fiamme Gialle”, comandate dal luogotenente Michele Veneziano,  sono pervenute all’individuazione dell’illecito attraverso l’incrocio di diversi dati scaturititi da attività ispettive attuate dal Corpo nei confronti di altri soggetti economici.

Deferito alla Procura

I Finanzieri della Tenenza di Lanzo Torinese, pertanto, hanno deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino l’amministratore della società, B.G., un imprenditore 45 enne del Ciriacese, perché ritenuto responsabile del reato previsto e punito dall’art. 2 del D. Lgs. 74/2000 che, per chi, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto emetta fatture o altri documenti fiscali per operazioni inesistenti, prevede la reclusione da un anno e sei mesi fino a sei anni.