Emergenza incendi Lega Nord Canavese critica Regione.

Pericolo sottovalutato?

Emergenza incendi Lega Nord Canavese critica Regione. Si poteva fare di più, infatti, per il segretario provinciale del Carroccio Cesare Pianasso. “Vigili del fuoco, squadre anti-incendi e volontari hanno fatto per giorni un lavoro incredibile, ma lo Stato e la Regione dov’erano? Il pericolo è stato sottovalutato. Servivano più uomini e mezzi sin da subito” commentano dalla Lega Nord Canavese.

Carroccio all’attacco

La Lega Nord Canavese interviene sul caso degli incendi che hanno devastato, ma in taluni casi continuano a farlo, tutta la provincia di Torino. “I vigili del fuoco, le squadre di anti-incendi boschivi e i volontari hanno lottato senza tregua per salvare i boschi e le zone abitate dalla furia del fuoco – spiega il segretario provinciale del Carroccio, Cesare Pianasso – Purtroppo, come spesso accade, abbiamo dovuto constatare l’assenza dello Stato e della Regione, che hanno affrontato il problema con superficialità. Il presidente Chiamparino doveva intervenire prima. Doveva dichiarare da subito lo stato di emergenza. Doveva richiedere più uomini e mezzi per dare il cambio alle sqaudre impegnate giorno e notte sul fronte del fuoco”.

Leggi anche:  Carabinieri arrestano 23enne per aggressione in un ristorante

La situazione attuale

Emergenza incendi Lega Nord Canavese critica Regione. E lo fa anche sulla questione Guardia Forestale. Pianasso aggiunge: “Appare poi evidente, in tutta la sua drammaticità, che l’accorpamento della Guardia forestale deciso con la riforma Madia sia stato  quantomeno improvvido. Infatti, ha disperso un patrimonio di conoscenze ed esperienze che in occasioni come questa sarebbe stato fondamentale”. Alle ore 9.30 di oggi la situazione era la seguente a Sparone-Ribordone: in spegnimento, richiesti lanci puntuali da elicottero e Canadair.