Evasione milionaria in Canavese, l’imprenditore cinese aveva affari in tutta la provincia torinese e nel cuneese.

Evasione milionaria in Canavese

E’ il proprietario di oltre 200 videoslot sparse un po’ in tutto il Piemonte, oltre a ciò gestisce un bar nel Canavese dove in una locale attiguo ha installato una decina di slot; ingentissimo il suo volume d’affari ma in buona parte nascosto al fisco. E’ quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Torino che, nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Ivrea, ha denunciato un imprenditore di origine cinese, con “base logistica” nel canavese, per l’occultamento e la distruzione della documentazione fiscale.

Un volume d’affari enorme

I Finanzieri del Gruppo Ivrea, che hanno condotto l’attività, attraverso minuziosi riscontri presso i clienti della società e presso i concessionari di rete della filiera del gioco legale, sono riusciti a ricostruire l’enorme volume d’affari della società gestita dal quarantenne imprenditore.

Milionaria l’evasione fiscale accertata

L’indagine in questione ha riguardato la totalità delle slot tutte riconducibili al quarantenne, distribuite non solo nel Canavese e nella Provincia di Torino ma anche in quella Cuneese.
Ora l’amministratore della società, che come detto è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Ivrea per reati fiscali, rischia anche il sequestro dei beni a lui riconducibili, per un valore corrispondente al profitto illecito conseguito.