Furto d’auto a mano armata, un italiano di 35 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato.

Furto d’auto a mano armata

I fatti risalgono a qualche settimana fa, un italiano classe ’83, nei dintorni di piazza Galimberti aveva costretto un automobilista, con la minaccia di un coltello e dopo avergli spruzzato dello spray urticante sul volto, a scendere dall’auto, impossessandosene, per poi fuggire a bordo della stessa. L’immediato intervento della Polizia di Stato aveva permesso poco dopo di rintracciare l’auto, una Grande Punto dotata di sistema satellitare antifurto e per questo abbandonata dal rapinatore: mancavano, però, il portafogli e il cellulare della vittima.

Le indagini

Le indagini condotte dagli agenti del Commissariato Mirafiori a partire dalla descrizione fornita dalla vittima sul rapinatore, in particolare da un piercing sulla lingua e da un cane di grossa taglia con cui il rapinatore si accompagnava, hanno condotto ad un soggetto noto ai poliziotti, un pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e contro la persona, presente negli schedari del commissariato.

Leggi anche:  Missile sequestrato, Salvini: “Un attentato contro di me”

L’arresto

Per V.E. sono scattate le manette nella giornata del 24 gennaio, a seguito dell’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Dalla perquisizione domiciliare è stato recuperato anche il cellulare della vittima.