Un gatto randagio è stato preso a fucilate a Refrancore (in provincia di Asti). Il gatto è stato trovato agonizzante.

Gatto preso a fucilate

Come raccontano i colleghi de La Nuova Periferia, un gatto randagio è stato preso a fucilate a Refrancore. Il felino è stato raggiunto da alcuni colpi ad aria compressa ed è stato lasciato in strada agonizzante, ma per fortuna è stato soccorso dalle operatrici di una casa di riposo che hanno subito contattato il veterinario e la Lav.

Le cure

Il gatto è sotto le cure della Lav. Nei giorni scorsi, sempre nell’Astigiano, è stata segnalata la presenza di bocconi avvelenati.

Casi precedenti

Purtroppo casi come questi non sono rari. Infatti, si sono già verificati casi in cui  cani e gatti siano stati presi di mira e quindi avvelenati o colpiti da pallini ad aria compressa, casi si sono verificati tempo fa anche in Canavese (leggi Un altro gatto ferito a fucilate e Morto il gatto a cui hanno sparato in frazione Salto). Una situazione non facile da contrastare e che purtroppo, in alcuni casi è conclusa nel peggiore dei modi. Il maltrattamento sugli animali è  punito con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5 mila a 30 mila euro. Ma a quanto pare questo non è ancora sufficiente per poter fermare queste persone sconsiderate.

Leggi anche:  Imprenditori canavesani arrestati, sono accusati di bancarotta fraudolenta

L’animale è stato trovato agonizzante vicino alla Casa di riposo da alcune operatrici sanitarie, che hanno avvisato la Lav di Asti e il veterinario.

Leggi anche: Un altro gatto ferito a fucilate
Leggi anche: Morto il gatto a cui hanno sparato in frazione Salto