Incassa i soldi dello yacht attraverso una truffa telematica, nigeriano finisce in carcere al Lorusso-Cutugno di Torino.

Incassa i soldi dello yacht: preso

“Man in the middle”, tradotto: l’uomo di mezzo. Così incassa i soldi dello yacht attraverso la truffa informatica che colpisce le imprese, attentando alla sicurezza dei rapporti commerciali e al patrimonio di aziende e privati. L’autore della frode, in sostanza, si intromette in comunicazioni commerciali reali intercettando messaggi tra le controparti, come l’invio di ordinativi o di fatture, generando una serie di messaggi rivolti al soggetto che dovrà effettuare il pagamento e, simulando di essere la controparte, vengono comunicati gli estremi di un conto corrente in realtà nella disponibilità del truffatore.

Riciclati più di 600mila euro

Pochi giorni fa, vittime di questa famigerata truffa, alcune società estere raggirate da un trentenne di origini nigeriane arrestato perché responsabile, secondo gli inquirenti, di aver riciclato oltre 160.000 euro frutto della frode informatica. È di quest’oggi una significativa vicenda emersa delle indagini della Guardia di Finanza di Torino che, su ordine del GIP del Tribunale del capoluogo piemontese, hanno arrestato O.L., quarantenne imprenditore anch’egli di origini nigeriane, accusato di aver riciclato oltre 600 mila euro ottenuti, anch’essi, con lo stesso modus operandi.

Leggi anche:  Castellamonte, 22enne picchia la madre e lei lo fa arrestare

Complice un autoconcessionario

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, coordinati dalla Procura della Repubblica torinese, hanno accertato come l’indagato, un commerciante di autoveicoli del Torinese, ha ricevuto sul proprio conto corrente ingenti somme di denaro provento di truffe ai danni di alcune aziende italiane ed estere. Dopo aver ricevuto il denaro, O.L. ha cercato di farne perdere la traccia, disponendo bonifici verso l’estero e prelevando la provvista in contanti. 400 mila euro la somma sequestrata dai Finanzieri ancora presente sui suoi conti correnti, frutto, verosimilmente, dell’attività truffaldina.

L’acquisto degli yacht

Le somme più importanti sono pervenute da due cittadini inglesi che avevano acquistato due yacht da un cantiere navale italiano. Tuttavia, anziché inviare il denaro alla società che attendeva il pagamento, hanno disposto dei bonifici sul conto dell’indagato, tratti in inganno da alcune email apparentemente inviate da una dipendente della società venditrice, con le quali veniva richiesto di effettuare il pagamento su un conto diverso da quello indicato al momento dell’ordine delle imbarcazioni. O.L. è stato arrestato e condotto presso il carcere Lorusso-Cutugno di Torino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.