La luce oltre il buio, la mostra in Santa Marta fino a domani, domenica 12 maggio, per sostenere l’hospice di Salerano.

La luce oltre il buio

Con questo titolo «La luce oltre il buio!» durante il   week-end, in sala Santa Marta, sarà presentata una raccolta di opere di Marco Gedda. Un giovane affetto dalla sindrome di Down, scomparso nell’estate scorsa. La mostra, curata con premuroso affetto dalla mamma, Maria Giglio, vuole presentare alla città, il delicato ma intenso lavoro di una persona che molti conoscevano.

Le opere in mostra

Le opere, realizzate per lo più, prima al laboratorio «Scacciapensieri», (quando si trovava in piazza Giacosa), e poi al «Via Arduino 109»,  riescono non solo a far conoscere lo spirito di un giovane libero e amante della natura, ma anche a suggestionare e a colpire chi non lo conosceva. «Marco – racconta la mamma – parlava molto poco, ma viveva emozioni intense che raccontava nei suoi quadri, attraverso i colori e i segni che tutti ammiravano!».

Leggi anche:  Si sente male mentre è in montagna donna soccorsa in quota

La raccolta in memoria di Marco Gedda

Nella rassegna saranno presentate una cinquantina di opere su tela o su vetro, di dimensioni diverse e con soggetti diversi. Dai temi più naturalistici a quelli in cui la luce esprime tutti i suoi significati. Marco amava la natura e la raccontava sopratutto con i colori che prediligeva i toni caldi del rosso e del giallo. Oltre la pittura aveva altre due grandi  passioni, il Torino e la musica. La mostra sarà inaugurata venerdì, 10 maggio, alle 16.30 e sarà aperta fino alle 20. Sabato 11 e domenica 12 dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Se i visitatori lo vorranno sarà possibile contribuire con una offerta libera. Il ricavato sarà devoluto all’Hospice, Casa Insieme di Salerano.