Ladro “giurista”: arrestato confessa le leggi infrante. Durante il fermo, infatti, ha indicato ai poliziotti gli articoli per i quali avrebbero dovuto procedere nei suoi confronti.

Ladro “giurista”

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, contattati da un addetto dalla sicurezza del Parco Dora, per prima cosa il ladro, mostrando una certa fretta, ha indicato loro gli articoli di legge per i quali i poliziotti avrebbero dovuto precedere nei suoi confronti.

L’intervento

Gli agenti erano intervenuti in tarda serata di domenica, intorno alle 22.30, per una la segnalazione di un uomo che stava rovistando nell’abitacolo di un auto in sosta. Il reo, un italiano di 38 anni, era stato notato e fermato da un addetto alla sicurezza del Parco Dora che aveva poi contattato la Polizia.

Violazione obbligo di dimora

Al loro arrivo, dopo “aver ricevuto i dettagli giuridici” dal trentottenne, lo hanno arrestato per tentato furto. A seguito di accertamenti, è emerso anche che l’uomo aveva violato l’obbligo di permanere nella propria abitazione dalle 22 alle 6.