Maltrattamenti all’asilo nido: le indagini sono partite dopo lividi e labbro rotto. Le maestre sono state sospese.

Maltrattamenti all’asilo nido, due maestre nei guai

I Carabinieri della Stazione di Crescentino, nel vercellese,  hanno dato esecuzione – nelle ultime ore –  alla misura cautelare interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività di insegnante, con interdizione da ogni struttura statale o private, per un anno, nei confronti di due maestre di una struttura privata localizzata in Crescentino. Si tratta, secondo quanto emerge, di una vicenda che riguarda esclusivamente il nido privato – il Micronido Coccinella – al primo piano di una struttura che già ospita una scuola per l’infanzia privata quella con accesso da viale IX Martiri che, in questa vicenda, non è per nulla coinvolta. Secondo le indagini dei carabinieri, infatti, le due donne sarebbero responsabiliti di maltrattamenti verso i bambini che erano stati affidati loro.

Le indagini partono dopo i lividi e un labbro rotto

Le indagini dei militari dell’Arma sono partite alla fine del 2018, a seguito di denuncia presentata dalla mamma di una bambina iscritta al nido. La donna, si è presentata al comandante della Stazione di Crescentino rappresentando che sua figlia, di quasi 3 anni, era tornata dall’asilo con lividi al viso ed un labbro rotto.

Leggi anche:  Ponte Preti lavori in corso per un nuovo guardrail

Sono stati quindi posizionati microfoni e telecamere: QUI TUTTI I DETTAGLI.

Purtroppo i casi di violenza nei confronti di bambini, negli ultimi tempi, sono sempre più numerosi:

QUI il video shock di maltrattamenti in un asilo di Como e gli ultimi episodi in Piemonte.