Mathi dice addio a Pino, l’ultimo partigiano.

Mathi dice addio a Pino, l’ultimo partigiano

Addio a Giuseppe Vottero Viutrella. Tutti lo chiamavano Pino. Aveva 93 anni e  già pronta, sul tavolo, una lista di attività da fare nei prossimi mesi. In giardino, a casa. Insomma, tutti quei lavoretti che, da uomo preciso come era lui, erano necessari per mantenere tutto in ordine. Se ne è andato nella serata di sabato 3 marzo, circondato dall’affetto dei famigliari.

Era l’ultimo partigiano di Mathi

Ultimo partigiano mathiese. Pino Vottero è stato per 46 ininterrotti anni presidente dell’Anpi Mathi, cedendo il posto al nipote Marco. Nel corso di una cerimonia che si è svolta nel 2016 con la consegna di un attestato da parte del Comune. Lo scorso anno, invece, è stato premiato ad Ivrea con una medaglia conferita dall0 Stato in omaggio ai partigiani che erano ancora in vita.

La sua lotta partigiana nelle Valli di Lanzo e Canavese

Nasce a Mezzenile il 28 maggio del 1924. A 20 anni si arruola nell’80ª Brigata Garibaldi come partigiano. Il suo nome era Renzo. Nelle Valli di Lanzo e nel Canavese le battaglie, le fughe, la paura. Come quel giorno, che Pino raccontava sempre ai figli e nipoti, quando insieme ad altri compagni rimase per quasi 24 ore nascosto in un fossato, immerso nell’acqua. Per sfuggire ai tedeschi.

Leggi anche:  Damanhur, omicidio Bessi vicino alla svolta

Una vita spesa per il lavoro e per la famiglia

Pino Vottero ha svolto diversi lavori nel corso della sua vita. Muratore, falegname ed infine operaio presso la cartiera De Medici fino agli anni Ottanta quando è andato in pensione. Amava coltivare il suo orto, e la domenica guardare le partite di calcio alla televisione. Lui che era grande tifoso del Toro, da sempre. I funerali si svolgeranno domani, martedì 6 marzo alle 14,30. La salma partirà dall’abitazione di via Martiri della Libertà e dopo una sosta al monumento ai Caduti davanti alle scuole di via Borla, proseguirà verso la chiesa. La salma sarà tumulata nel cimitero di Mathi. Pino Vottero lascia la moglie Luigina e i figli Carla, Flavia e Sergio. Oltre agli amati nipoti e pronipoti.