Partorire come a casa nel reparto di ostetricia dell’Ospedale di Ivrea adesso si può.

Partorire come a casa

Partorire come a casa da oggi, sabato 16 novembre, si può.  Ad Ivrea, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia diretto dal dottor Fabrizio Bogliatto, è stata inaugurata questa mattina la Stanza Aurora. Si tratta di un ambiente accogliente per un parto a “misura di casa”, dove viene fornita assistenza ostetrica e neonatale alle donne con gravidanze a basso rischio.

La donazione…

La stanza è stata realizzata grazie a una generosa donazione del Soroptimist International Club di Ivrea e Canavese, con un duplice obiettivo. Il primo è quello di creare uno spazio per una nascita dolce in ospedale come a casa, dove si abbinino comfort e sicurezza in un ambiente simile a quello familiare. Il secondo: contribuire a migliorare l’umanizzazione delle cure per madre e nucleo familiare nel momento del travaglio/parto e dell’osservazione post-partum.

Colori tenui

La nuova struttura, gradevole e colorata, è costituita da una camera da letto dotata di letto tecnico, da un bagno e da un angolo soggiorno. La coppia di futuri genitori vi trascorre tutte le fasi del travaglio e del parto e vi si trattiene con il neonato nelle sei ore successive alla nascita.

Leggi anche:  Comital-Lamalù, accordo con Dingsheng: salvi 60 dipendenti su 120

I ringraziamenti

“Ringraziamo di cuore il Soroptimist International Club di Ivrea e Canavese per aver contribuito a realizzare questo progetto, che si inserisce in quel processo di umanizzazione dei nostri Ospedali al quale stiamo dedicando da anni particolari attenzione e impegno” ha dichiarato il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone. “Il nostro territorio ci dimostra sempre una forte solidarietà e una vicinanza sensibile, che si traducono in iniziative concrete come questa quando si riconoscono la qualità dei servizi offerti e la professionalità degli operatori”.

Il direttore generale

Così, il direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone.: “Ora, tutti e tre i Punti nascita aziendali (Ciriè, Chivasso e Ivrea) hanno adottato un nuovo modello organizzativo durante il parto, che prevede l’assistenza in autonomia da parte delle ostetriche delle donne con gravidanza a basso rischio. Si tratta di un modello già adottato con successo a Ciriè, che si integra con l’esperienza positiva pluriennale nella gestione delle donne in gravidanza a basso rischio e nella fase del puerperio fisiologico da parte delle ostetriche nei Consultori aziendali”.