Caldaia in blocco e scuola Media Cena di Cuorgnè chiusa. Non è iniziato nel migliore dei modi possibili il 2019 scolastico per l’istituto della città delle due torri. Tecnici comunali al lavoro per risolvere il problema.

Scuola media Cena di Cuorgnè chiusa

“Oggi 7 gennaio 2019 la scuola rimarrà chiusa per guasto al riscaldamento”. E’ iniziato con queste parole scritte in rosso su un cartello appeso alla cancellata di ingresso dell’istituto il 2019 scolastico per la scuola media di Cuorgnè. Una falsa ripartenza dopo le vacanze natalize causata da un annoso problema alla caldaia. “Il termometro nelle aule non riusciva a salire sopra i 12 gradi – ha spiegato il dirigente scolastico, Federico Morgando – Nei laboratori e in palestra purtroppo faceva ancora più freddo”. Da qui la decisione, presa di concerto con i docenti di rimandare a casa i circa 300 alunni della scuola.

Problema annoso

La scuola ha tempestivamente avvisato i genitori dei giovani studenti, informandoli della criticità al riscaldamento della Media Cena di Cuorgnè. “Abbiamo inoltre garantito l’accoglienza e l’assistenza, riscaldando ad hoc una classe, a quei pochi bimbi che non avevano modo di ritornare a casa” precisa il preside. Non è la prima volta, sottolineano dall’istituto, che ci sono problemi all’impianto di riscaldamento. Non si può escludere che la caldaia sia andata in blocco durante le vacanze di Natale, lasciando al gelo i bimbi al momento di rientrare tra i banchi.

Leggi anche:  Controlli autovelox in Canavese nella settimana dal 21 al 26 gennaio

Lo stesso problema è stato registrato sempre questa mattina anche in una scuola del milanese, alla scuola primaria di Gianni Rodari di via Sartirana a Mazzo di Rho.

Comune al lavoro

Appreso della criticità e della caldaia in blocco i tecnici del Comune si sono subito messi al lavoro per individuare il problema. L’obiettivo è quello di riavviare a stretto giro di posta il riscaldamento in modo da riprendere le lezioni già domani mattina. Alla scuola media Cena di Cuorgnè chiusa sono intervenuti, oltre ai tecnici del comune, anche gli assessori Silvia Leto e DavidePieruccini per tutte le verifiche del caso.