Sindacato denuncia. La FSI-USAE (Federeazione sindacati indipendenti – Unione Sindacati Autonomi Europei) denuncia in una nota diffusa agli organi di stampa l’irregolarità sul alcune mansioni dei dipendenti dell’Asl To4.

Sindacato denuncia attività meno gravose rispetto alle qualifiche

“Il fenomeno – si legge nella nota – generalmente determina l’assegnazione di attività meno gravose rispetto a quelle della qualifica originaria.
Facile immaginare quindi, come tali variazioni se non gestite in modo adeguato senza il puntuale rispetto delle procedure previste dalle vigenti normative, possono generare malcontenti tra i dipendenti portati ad associare alcuni singoli casi al deprecabile mal costume della raccomandazione”.

Due procedure regolari possibili

“Ma se siamo di fronte ad irregolarità, come è possibile che tali fatti passino inosservati? Nel pubblico impiego la variazione delle mansioni e della qualifica è soggetta per legge solo a due procedure: quella consensuale e quella per gravi motivi di salute”. Ovviamente, nel caso in cui ci si trovi di fronte a questa seconda ipotesi, è necessario avviare procedure di verifica dello stato di salute; verifiche mai effettuate.

Il sindacato si rivolge alla Direzione dell’Asl TO4 affinchè prenda in mano la situazione e ridistribuisca ai dipendenti le corrette mansioni.
Il problema, si legge nella nota, riguarda perlopiù il personale con qualifica di OSS idoneo ad operare in attività ospedaliere e/o sanitarie ed assegnato invece ad altre attività.

Leggi anche:  Operaio scomparso, nessuna notizia da martedì

Il caso di Ivrea

Si cita poi il caso di una dirigente sindacale con qualifica di OSS assegnata ad un servizio territoriale di Ivrea per lo svolgimento di attività amministrative con distacco sindacale al 50% nonché capolista alle RSU per la propria organizzazione sindacale. “La questione pone problemi anche di tipo etico, poiché riguarda il ruolo sindacale di chi dovrebbe garantire e tutelare in primis i diritti dei lavoratori”.

L’auspicio del sindacato

“Sarebbe un importante segnale – conclude il sindacato riferendosi alle operazioni di rimozione delle irregolarità delle mansioni da parte dell’Asl – anche per garantire un clima di maggiore fiducia tra i lavoratori verso le istituzioni, in prossimità delle votazioni per il rinnovo delle cariche di dirigente sindacale della RSU che si terranno dal 17 al 19 aprile 2018”.