“Sissi” non vuole tornare a casa. A Pessinetto, Valli di Lanzo.

“Sissi” non vuole tornare

“Sissi”, cagnetta meticcia di 5 anni sta lottando per la vita.  E’ assistita amorevolmente dai volontari del canile di Moncalieri e dalla Lida Ciriè e Valli di Lanzo che ne ha la custodia giudiziaria.

La vicenda

Tutto ha inizio la sera del 23 agosto quando i carabinieri della stazione di Viù, in quel momento in servizio di pattuglia in Valle, devono accorrere a Pessinetto per sedare un litigio tra vicini di casa. Che cosa è accaduto?  Sissi, la cagnolina meticcia di una pensionata ottantenne è scappata andandosi a rifugiare nell’abitazione dei vicini. L’anziana se ne accorge e decide di andarsela a riprendere. Sembrerebbe una storia a lieto fine ma…

La cagnolina si “ribella”

La cagnolina rifiuta di tornare dalla sua proprietaria. Abbaia, ringhia. Punta con forza le zampette a terra. E appare anche in condizioni fisiche assai precarie.  A questo punto i vicini di casa si oppongono alla riconsegna della cagnolina. Con tanto di intervento delle forze dell’ordine che affidano, momentaneamente, la custodia di Sissi, proprio ai vicini di casa in attesa di ulteriori verifiche.
L’intervento dei militari si manifesta anche nei giorni successivi con la presenza dei carabinieri di Ceres, competenti sul territorio, che devono accorrere a Pessinetto per frenare l’irruenza della pensionata che vorrebbe riavere, a tutti i costi, la povera cagnolina, inscenando anche una manifestazione di protesta. Nel frattempo un veterinario di zona visita la povera bestiola e non può fare altro che confermare le precarie condizioni di salute in cui versa il meticcio.

Leggi anche:  Due arresti per tentato furto in abitazione

Interviene la Procura

A questo punto, letto il verbale inviato dalle forze dell’ordine, la Procura di Ivrea decide di affidare la custodia giudiziaria di “Sissi” alla Lida di Ciriè e Valli di Lanzo in attesa di chiarire la situazione. Come spiega la responsabile Lida, Laura Masutti: “La cagnolina è apparsa malata. La sensazione è che la povera Sissi nei suoi, tormentati, 5 anni di vita non sia mai uscita dall’abitazione della pensionata. Una vera e propria vita da segregata…”.

Storia di degrado

Ma neppure la pensionata residente a Pessinetto sembra in una situazione psico-fisica ideale. Insomma l’anziana, che vive da sola, avrebbe bisogno d’aiuto. Inoltre la sua abitazione, assai fatiscente, appare trasformata in una sorta di gattile con la possibile presenza di almeno una ventina di felini, tra adulti e cuccioli. Già in passato la Lida Ciriè Valli di Lanzo si era attivata per normalizzare la situazione che da un punto di vista igienico-sanitario potrebbe nuovamente farsi preoccupante.