Tabaccaio uccide ladro scoppia la “rissa” sui social dopo la sparatoria avvenuta questa notte tra Pavone e Ivrea.

Tabaccaio uccide ladro

Sulla sparatoria di questa notte – il tabaccaio uccide ladro durante un tentato furto – scoppia la “rissa” sui social. Nei gruppi Facebook locali si sono infatti scatenati i commenti, degenerati in molti casi in vere e proprie “risse” verbali tra utenti, insultandosi a vicenda.

Ecco alcuni esempi

In tanti hanno infatti commentato con parole forti, come “il tabaccaio ha fatto bene, doveva ucciderli tutti e tre”. Sono seguiti quelli che hanno moderato a usare i termini. Sono stati anche postati messaggi di solidarietà al tabaccaio, confidando nella “Giustizia”. In merito ha commentato anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

L’intervista

Tempo fa, nel novembre 2014, un famigliare del tabaccaio era stato intervistato a seguito dell’ennesimo furto subito. Allora ad agire era stata la cosiddetta “banda dei tombini”. E al nostro giornale aveva dichiarato:  «Noi paghiamo le tasse e veniamo trattati come criminali se sgarriamo anche solo per un minimo ritardo nei pagamenti. Invece le persone che abbiamo accolto qua fanno ciò che vogliono perché tanto sanno di rimanere impunite e poi non hanno nulla da perdere. La notte non riesco nemmeno più a chiudere occhio: ci è stata rubata la tranquillità».