Vaccinazioni obbligatorie, dopo Borgaro anche in alto Canavese arrivano le prime “sospensioni”. Alla Direzione didattica Castellamonte sei bimbi sono stati lasciati a casa.

Vaccinazioni obbligatorie prime esclusioni

Dopo Borgaro, anche in alto Canavese arrivano le prime “sospensioni” per i piccoli studenti. E’ infatti accaduto alla direzione didattica Castellamonte. Gli alunni rimasti fuori dai cancelli dell’asilo o dalle scuole materne della direzione didattica perché non in regola con le vaccinazioni obbligatorie sono in tutto sei sui circa 300 che frequentano la direzione didattica Amedeo Cognengo. I bimbi non hanno avuto accesso ai servizi, ma potranno rientrare tra i banchi appena i genitori avranno regolarizzato la loro posizione.

Direzione didattica Castellamonte

Sul caso dei bimbi non in regola con le vaccinazioni obbligatorie sono arrivate a stretto giro di posta le puntualizzazioni del dirigente scolastico della Direzione didattica Castellamonte. Il preside hadottato il decreto di sospensione dopo aver sentito il parere anche dell’Asl. “Si tratta di un atto dovuto. Ci sono delle norme che devono essere rispettate. I bambini che non sono stati ammessi potranno tornare a scuola non appena le famiglie avranno regolarizzato la situazione coi vaccini obbligatori. I genitori dei piccoli studenti interessati dal provvedimento sono stati contattati già in precedenza. Erano quindi consapevoli dell’impossibilità di accedere alla scuola senza aver adempiuto all’obbligo vaccinale”.

Leggi anche:  Cantina a fuoco in via Trieste a Rivarolo | FOTO

Comitato per la libertà di scelta vaccinale

Sul caso delle prime espulsioni per le non eseguite vaccinazioni obbligatorie si è espresso anche il Clisvap. “Non stupiti apprendiamo delle numerose espulsioni di bambini nelle scuole di Torino e Provincia. – commentano dal Comitato per la Libertà di Scelta Vaccinale in Piemonte – Intendiamo rendere consapevoli tutti i Cittadini che le esclusioni dalle scuole, avvenute in questi giorni, dei piccoli al di sotto dei 6 anni *hanno interessato per lo più iscritti in regola con la documentazione* contemplata dal D.L. 73/2017 convertito il 31.07.2017 nella Legge 119/17. Queste esclusioni quindi sono state disposte in osservanza di Circolari interne emanate dal MIUR. La Regione ha permesso l’applicazione di Circolari in luogo della Legge. È una grave violazione di diritti. Auspichiamo sia compresa da tutti e sollevi proporzionale sdegno in tutti i cittadini”.