Valperga struggente addio a Nicolò Venturino. Ieri i funerali del 21enne presidente onorario della Pro San Rocco Braidacroce.

Valperga struggente addio a Nicolò Venturino

Un’intera comunità, le “magliette verdi” della Pro San Rocco Braidacroce, gli ex compagni di classe e i docenti del Liceo Faccio di Castellamonte insieme ad oltre 500 persone si sono stretti venerdì 10 agosto attorno al dolore della famiglia di Nicolò Venturino. Le note della canzone “Sei un mito” degli 883 sono riecheggiate sul sagrato della chiesa parrocchiale di Valperga. Hanno così accolto l’arrivo del feretro del 21enne strappato troppo presto all’affetto dei suoi cari, da una malattia contro cui ha lottato come un coraggioso cavaliere fino alla fine.

La Pro San Rocco Braidacroce ha salutato il suo presidente onorario

A salutare per l’ultima volta il ben voluto presidente onorario della Pro San Rocco Braidacroce una folla commossa di amici e conoscenti, che hanno gremito la parrocchia locale, quasi a voler riempire un vuoto infinito e difficilmente colmabile. Al termine del rito religioso, officiato da don Alberto Carlevato, alla presenza di don Ilario Rege Gianas, la bara del giovane valperghese con appoggiata sopra la bandiera della Juventus, la squadra del cuore di Nicolò Venturino, è stata accompagnata nel suo ultimo toccante viaggio da un lungo e struggente applauso e dai palloncini bianchi e neri liberati in cielo dai volontari della Pro San Rocco Braidacroce.

Leggi anche:  Grave incidente a Valperga sulla strada provinciale per Salassa

“Ci mancherai, come mancano le cose belle”

Davanti alla chiesa è stato anche appeso uno striscione con alcuni cuori rossi e la scritta: “Ci mancherai, come mancano le cose belle”. Nicolò Venturino lascia la mamma Gisella, il papà Giovanni, la sorella Noemi e i nonni Michele, Franca e Maria. “Ciao caro Nicolò ci mancherai tanto – ha scritto su Facebook Walter Sandretto della Pro San Rocco Braidacroce – Mi hai lasciato solo a gestire tutte le magliette verdi che solo tu riuscivi a mettere d’accordo con il tuo sorriso, semplicità e affetto. Sono sicuro che mi e ci aiuterai da lassù a trovare la strada giusta. Sarai sempre il nostro Presidente Onorario. Il tuo ricordo rimarrà indelebile nei nostri cuori. Sei stato bravissimo a fare uscire da casa tanta gente per salutarti. Te lo meriti per tutto quello che ci hai insegnato”. Dai social arriva anche l’ultimo saluto del Liceo Faccio al suo amato ex studente: “Ha affrontato la malattia con grande coraggio e con altrettanto coraggio la famiglia ha dovuto accettare la sua dipartita. Grazie per tutto ciò che sei stato per noi… buon cammino, Nicolò”.