E’ ufficialmente vinta la battaglia condotta da Antonella Genisio contro La Provincia Italiana dell’Istituto delle figlie della Sapienza. La 57enne di Pratiglione, assistita dalla Cgil e difesa dall’avvocato, Silvia Rossetto, è tornata al suo «vecchio» lavoro.

Tornata al lavoro

C’è il lieto fine su un’altra delicata vertenza lavorativa «canavesana». E’ ufficialmente vinta la battaglia condotta da Antonella Genisio contro La Provincia Italiana dell’Istituto delle figlie della Sapienza. La 57enne di Pratiglione, assistita dalla Cgil e difesa dall’avvocato, Silvia Rossetto, è tornata al suo «vecchio» lavoro. L’ordinanza di reintegra emessa a novembre 2018 dal giudice del Tribunale del Lavoro di Ivrea, Matteo Buffoni, è stata «seguita» dall’accordo in sede sindacale del 28 marzo 2019 prevedendo la ripresa dell’attività lavorativa dell’operatrice socio sanitaria presso la Cooperativa sociale Anteo all’interno della casa di riposo Il Castello di Valperga.

Fine di un “incubo”

La fine di un «incubo» iniziato con l’infortunio, accaduto nel novembre del 2016 alla residenza per anziani valeprghese dove la donna lavorava al 2010, e culminato con la lettera di licenziamento del 3 maggio 2017 per «superamento del periodo di comporto». «La lavoratrice è stata effettivamente reintegrata dal primo aprile alle stesse condizioni in essere all’atto del licenziamento e alle stesse condizioni normative e retributive sottoscritte nell’accordo del 27 dicembre 2017 per tutte le lavoratrici in forza al momento del passaggio del ramo d’azienda» – spiega Angelo Alice di funzione Pubblica Cgil Torino.

Leggi anche:  Truffatore seriale arrestato: si presentava come funzionario INPS

Grande risultato sindacale

La Oss tonata al lavoro alla casa di riposo di Valperga non è solo una storia a lieto fine. «E’ un grande risultato sindacale per Genisio e per Funzione Pubblica Cgil di Torino che con questa vertenza lavorativa dimostra che esiste ancora oggi la possibilità di poter ottenere la reintegrazione sul posto di lavoro nonostante le modifiche di legge peggiorative introdotte all’articolo 18 legge 300/1970 della Legge Fornero»