Piccoli grandi musici crescono ad Oglianico. Pioggia di applausi per gli allievi della Filarmonica del paese dell’alto Canavese.

Applausi agli allievi della Filarmonica

E’ stato davvero un anno intenso e ricco di impegni quello che ha visto in primo piano la Filarmonica Oglianicese Silvio Audo Gianotti. Un gruppo che, nonostante la sua giovane età (se si guarda l’anno della «rifondazione») sta compiendo passi da gigante, nel nome di una passione vera, quella per le sette note. E prima di congedarsi da un 2018 ricco di impegni ed uscite, è stata la volta della prima esibizione con gli strumenti da parte degli allievi della Filarmonica Oglianicese.

Prima uscita

Nelle settimane scorse gli allievi della Filarmonica oglianicese hanno suonato insieme per la prima volta, eseguendo il brano «Jingle Bells» di fronte a genitori, nonni, zii e agli oglianicesi intervenuti nell’occasione. «È stato un successo – dicono dalla Filarmonica – considerando il fatto che, prima di ottobre 2017, data in cui siamo partiti con i corsi musicali, questi ragazzi non avevano idea di che cosa fosse una nota. Figuriamoci uno spartito. E’ stata una sorpresa, in quanto non ci aspettavamo davvero fossero così bravi».

Leggi anche:  Inaugurata a Castellamonte la targa ceramica di piazza Pertini

Standing ovation per il sodalizio

Un riscontro, questo, figlio davvero del grande lavoro che la Filarmonica ha compiuto da poco più di un anno a questa parte: «Nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile senza il prezioso insegnamento dei nostri maestri di strumento, “capitanati” dalla maestra e nostra direttrice Michela Audo Gianotti. Ringraziamo pertanto i maestri  Mariella Donnaloia (ance), Giovanni Berchiatti (ottoni), Andrea Barone (flauti) e Claudio De Marco (percussioni)». A meritare gli applausi dei presenti sono stati Virginia Remogna, Giorgia Paglia, Lucia Crema, Maddalena Rosboch, Vittoria Freddi, Cecilia D’Oria, Sofia Sugamiele, Alessia Morgano, Cecilia Crema, Adele Bauce, Veronika Battuello, Edoardo Quaglia, Simone Barbierato, Fabio Morgano, Gabriele Barbierato, Filippo Naretto, Elia Pedone e Giacomo Ros Sebastiano.