Una felice tradizione rinnovata con successo anche quest’anno. Grazie agli Alpini di Valperga i piccoli alunni della materna Luttati del paese hanno trascorso una bella giornata con il loro adorato Babbo Natale Alpino.

Alpini di Valperga

Gli Alpini di Valperga hanno «portato» il Natale all’Asilo Luttati del paese. Martedì 18 dicembre, le Penne nere, guidate dal capogruppo Alfredo Medina, hanno lasciato nel cassetto per qualche ora il caratteristico cappello verde e si sono trasformati eccezionalmente in «elfi» natalizi. Hanno infatti dato una preziosa mano al collega, Renzo Zucca, in una missione da 10 e lode in pagella. L’Alpino canavesano ha indossato una folta barba bianca e vestito il tipico abito rosso di Babbo Natale. Una trasformazione perfetta, completata, rispettando il classico copione non scritto, dall’attesa consegna ai piccoli alunni di tanti gustosissimi panettoncini.

Tradizione rinnovata

All’infanzia di via Pierino Grosso si è così rinnovata con successo una felice e piacevole tradizione natalizia, che dura a Valperga da più di 30 anni. L’iniziativa ha creato, come per incanto, a scuola un contagioso clima di spensieratezza e allegria tipico delle festività natalizie. I tanti bambini, sotto lo sguardo attento delle maestre, hanno accolto con un tripudio di applausi le simpatiche e generose Penne nere.

Leggi anche:  Lombardore: celebrata la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

Scambio degli auguri

I piccoli alunni hanno consegnato al capogruppo, Alfredo Medina, dei coloratissimi disegni realizzati ad inizio mattinata alla Luttati. Hanno inoltre recitato alcune  simpatiche filastrocche e canzoncine strappando un sorriso al Babbo Natale Alpino e ai suoi aiutanti sui generis. Momenti clou di una bella giornata di festa: il modo migliore per insegnare ai baby studenti che, come recita un celebre ed antico adagio, «le cose più belle della vita non si trovano sotto l’albero di Natale, ma nelle persone che ti stanno vicino nei momenti speciali della vita».