Un’emozione fa strada ad un’idea e questa riesce ad appassionare un gruppo di persone che si spendono per dare vita a un progetto solidale destinato a toccare i cuori delle persone. Tutto questo è «Blues for a child». Si tratta di un disco speciale, i cui proventi andranno in aiuto dell’ospedale Regina Margherita di Torino.

Blues for a Child

Una bella iniziativa per sostenere la ricerca, promuovere la cura e l’assistenza dei bambini malati. Ci affidiamo tutti a qualcuno, senza saperlo, soprattutto da giovani. Ma anche da adulti. I genitori di Alessio Chiarovano, coraggioso bimbo castellamontese strappato troppo presto all’affetto e amore dei suoi amici e familiari, hanno affidato l’intensa storia del loro piccolo a Giovanni Tocci, presidente del Lions Club alto Canavese, e a un gruppo di persone di talento straordinario, dagli ideali nobili, che si son trovati per un anno intero con l’obiettivo di trasformare in realtà un sogno. In Blues for a Child tutto è destinato a rubare l’occhio, a cominciare della copertina dell’opera nata dall’ispirata fantasia di Piero Reinerio. Le musiche, gli arrangiamenti, le voci e le sonorità delle tracce del cd, magistralmente mixate alle strepitose illustrazioni ad acquerello di Elisabetta Gaiotti, protagoniste assolute del magnifico video di Gabriele Bertotti, sono poi un bacio e una carezza al ricordo del piccolo Alessio.

Dream team della generosità

Soprattutto sono un invito che non può essere disatteso a immergersi in una vicenda toccante e a dare il proprio contributo per una giusta causa. «Il progetto è nato da una mia idea in seno al Lions Club alto Canavese – spiega Tocci – Inizialmente, dopo aver rispolverato la mia passione per la musica tornando a suonare con il mio amico Matteo Demarchi, pensavo ad un CD da regalare ai soci per il mio anno di presidenza. Il progetto si è evoluto ed è diventato corale. E’ stato determinante l’incontro con Cristina, che mi ha parlato del Regina Margherita, e il piccolo Alessio. Un incontro che mi ha segnato e lasciato sensazioni uniche. Nella realizzazione di Blues for a child ho avuto la fortuna di incontrare persone straordinarie con ideali forti che con impegno e passione si sono messe a disposizione per questa iniziativa solidale».

Leggi anche:  Cascina Umberto In festa: fervono i preparativi alla storica RSA di Cuorgnè

Progetto corale per una giusta causa

Un dream team delle generosità, impreziosito dalle voci di Ginger Brew e del Quincy Blue Choir, di Francesca Selva, Davide Aiesi, Dario Lombardo, Antonella e Tella Anitra, Simona Pascuzzi, dal talento cristallino di Matteo Demarchi, di Riccardo Gresina al pianoforte, Andrea Scagliarini all’armonica blues, Marco Vidano alla regia e Lorenzo Vacca per gli arrangiamenti. «Un ringraziamento per la collaborazione va a Giacomo Spiller della Filarmonica Castellamonte – chiosa Tocci – Mi piace pensarci, come dice Reinerio, simili a puntini stampati nel foglio della vita, che se uniti in modo corretto creano qualcosa di bello come abbiamo fatto con Blues for a Child».