Comune, Vignaioli Valperghesi e Amici di Belmonte, impegnata a tenere viva l’attenzione sul Patrimonio Unesco, uniscono le forze per la «riforestazione» del Sacro Monte di Belmonte. In paese è tutto pronto per la 13esima Camminata enograstronomica Valperga-Belmonte.

Camminata enogastronomica Valperga-Belmonte

L’atteso evento è in programma il primo settembre con ritrovo alle 11 al Tennis Club Laghi Valperga in località Rolandi. Il percorso prevede 10 tappe, dall’aperitivo al dolce accompagnati dai vini locali, fino alla Società Operaia di Gallenca. Rientro al parcheggio veicoli con navetta ad hoc. Un tour imperdibile con una finalità benefica. «Quest’anno la Camminata enogastronomica Valperga-Belmonte – hanno spiegato durante la presentazione dell’iniziativa, avvenuta alla pinacoteca Barucco, l’assessore Vanni Milani e il sindaco Gabriele Francisca – modifica il suo itinerario per rivolgere la sua attenzione anche alla zona collinare di Valperga, che ha vissuto a marzo scorso il devastante incendio che ha colpito gran parte della Riserva Naturale del Sacro Monte di Belmonte con il Santuario».

In soccorso di un patrimonio Unesco

E’ proprio a Belmonte che i Vignaioli valperghesi e gli organizzatori della manifestazione vogliono guardare, facendo qualcosa di concreto per la sostenibilità ambientale del nostro territorio. «Il simbolo della Camminata di quest’anno – spiegano i promotori dell’evento – è una felce, la prima pianta che ha ripreso vita all’interno della Riserva. Speriamo che sia di buon auspicio per altre specie arboree che dovranno ripopolare il parco. Parte del ricavato della Camminata verrà, infatti, utilizzato per consentire, in collaborazione con gli Enti preposti alla tutela del patrimonio naturale della zona, il ripristino e la manutenzione dopo il rogo di alcuni sentieri della Felce Reale».

Leggi anche:  La Mostra "Immagini del Canavese" al Museo Nossi Rais di San Giorgio

Riforestazione

Anche il Comune di Valperga e l’Amministrazione locale sono pronti a fare la sua parte. «il Comune ha deciso di offrire un contributo per acquistare, presso i vivai provinciali e regionali, le piante che andranno a sostituire quelle distrutte dall’incendio – ha specificato il borgomastro Gabriele Francisca – Nell’ambito del progetto di ripristino, abbiamo messo a disposizione un volontario che si occupa di ripulire ed eliminare l’area verde dalle infestanti che potrebbero ostacolare la nascita e crescita di nuove piante». Tutto pronto quindi per un appuntamento di fine estate che consente a grandi e piccini di trascorrere una giornata serena a contatto con la natura degustando i prodotti tipici del territorio. Info e prenotazioni 338.9410279 e 340.1736411 (ore serali). Costo: adulti 22 euro, ragazzi (6-10 anni) 10 euro.