Per la prima volta nell’ambito degli eventi legati al Carnevale di Ivrea organizzata una rassegna che racconta enti, progetti e piccole e grandi eccellenze accomunate dall’amore per la città e quello per lo Storico Carnevale di Ivrea.

Carnevale di Ivrea, una ricca rassegna culturale

L’associazione Museo dello Storico Carnevale di Ivrea e l’Ordine della Mugnaia, in collaborazione con l’associazione culturale Dakotart, alcune insegnanti delle scuole dell’infanzia di Ivrea, Ciro Lubrano e Daniela Borla Dabò, sono i promotori di una serie di eventi che per la prima volta raccordano enti, progetti e piccole e grandi eccellenze accomunate dall’amore per la città e unite da quello straordinario contenitore storico, simbolico e narrativo che è lo storico Carnevale di Ivrea. Al centro delle manifestazioni che si alterneranno negli spazi di Dakotart, in via Arduino 99, troviamo due esposizioni davvero sorprendenti, integrate dalle tele di Daniela Borla che in questa collezione interpreta il Carnevale d’Ivrea con lo stile informale che la contraddistingue, spaziando dallo Storico Corteo alla Battaglia delle arance.

Mostra Lo Storico Carnevale di Ivrea nella Scuola dell’Infanzia

La prima delle due esposizioni, Lo Storico Carnevale di Ivrea nella Scuola dell’Infanzia è a cura de L’Ordine della Mugnaia, e consiste nella riproduzione di oltre 30 costumi di tutte le figure dello storico Carnevale di Ivrea, oltre alle bandiere delle parrocchie. L’eccezionalità di questa mostra risiede nel fatto che i costumi sono a misura di bambino e che a realizzare questi piccoli capolavori sono state, nel corso di circa 10 anni, alcune insegnanti della scuola dell’infanzia di Ivrea. Ancora più ampio il progetto di attività didattica ed educativa che ha sostenuto i laboratori, distribuito nel corso di 30 anni di carriera professionale da parte di insegnanti animate da una incredibile passione per il Carnevale e dal desiderio di renderlo sempre più affascinante e accessibile da parte dei suoi sostenitori più importanti: i bambini.

Leggi anche:  Ritrovato un nuovo affresco nella cappella dell'Assunta a San Francesco al Campo

Teste di legno e cuore di babbà

La seconda mostra è Teste di legno e cuore di babbà. Contemporanea e armonicamente integrata alla prima, si è resa possibile grazie al patrimonio professionale e culturale di Ciro Lubrano, oste-attore, e alla sua splendida collezione di burattini della tradizione italiana. Il Re, la Regina, il cane Zozò e Pulcinella, e ancora Marcolfa, Bertoldo, Sanmichè e tanti altri personaggi riusciranno ad aprire un varco fantastico nel cuore e negli occhi di grandi e piccoli. Le teste di legno sono tutti pezzi unici scolpiti dal suo amico Peppino Lubrano Lavadera, circa venti anni fa.
Ciro Lubrano, oltre a curare l’allestimento espositivo, proporrà a piccoli gruppi di bambini anche alcune preziose “lezioni spettacolo”.

Altri eventi in programma…

Sempre negli spazi espositivi di Dakotart, troveranno inoltre casa 10 manifesti della mostra “Lo Storico Carnevale di Ivrea nell’evoluzione litografica dei manifesti che lo raccontano” che l’Associazione Museo tiene negli stessi giorni presso la propria sede in via Guarnotta 20. Un invito a muoversi in città insieme al Carnevale.
A completare il ricco programma, una conferenza tenuta da Gabriella Gianotti, presidente dell’Associazione Museo, sul tema allegorico ed antropologico del Carnevale, dal titolo “Re Carnevale – il mondo alla rovescia”.
Durante la conferenza, il pubblico potrà assistere in tempo reale ad una performance di live painting a cura di Daniela Borla, affiancata dal partner artistico Tony Muroni.